­
Thailandia

Thailandia

Cultura unica, storia millenaria, templi buddisti, fauna esotica, isole paradisiache, deliziosa cucina. Thailandia è sinonimo di benessere, Thailandia è sinonimo di contrasti, Thailandia è sinonimo di emozioni. Il Regno di Thailandia è sbalorditivo, affascinante, felice, tanto da essere definito "la Terra dei Sorrisi"! L'icona per eccellenza è Bangkok, capitale caotica, umida, frenetica, che sotto la propria foschia quotidiana nasconde torri d'orate, templi antichi, mercati di ogni stile con bancarelle di ogni varietà.

Ma non da meno sono le altre località, come il distretto di Amphawa, ricco di vegetazione e produzioni locali, ed il suo atipico mercato galleggiante sono tappa imprescindibile per lasciarsi trasportare fino in fondo nella cultura thailandese, Kanchanaburi regione rigogliosa e fresca, ricca di cascate, montagne, grotte, e sede del famoso ponte sul fiume Kway protagonista del romanzo di Boulle, Uthai Thani e lo stile di vita della gente locale, che vive sulle zattere del Sakae Krang River.

A nord la ricca cultura delle tribù delle colline e i fantastici festival ambientati sullo sfondo di montagne, cascate e valli fluviali, incantano. I parchi nazionali della Thailandia proteggono alcune delle più grandi distese di foresta monsonica della regione e, immersi in questo paradiso preistorico di tigri, elefanti e gibboni, le feste in spiaggia non potrebbero sembrare una visione più lontana. Ultimo, ma non per niente ultimo, il Golfo Thailandese, tra acque cristalline e limpide, che baciano baie incantate ed arcipelaghi color smeraldo. Un viaggio in Tailandia è un sogno: lasciatevi trasportare dalla sua essenza, per non smettere mai di sorridere!

 
­
I nostri viaggi in Thailandia

­
Spoiler di emozioni thailandesi

­
Cosa vedere in Thailandia
­
Attività imperdibili in Thailandia

­
Pietanze tipiche thailandesi

­
Acquisti e souvenir Thailandia
­
Informazioni generali Thailandia

­
Playlist Thailandia on the road

­
Libri e Film sulla Thailandia

 

Tour Thailandia, le nostre proposte per un viaggio in Thailandia

 
 
Indocina Express | Tour Piccoli Gruppi

Indocina Express Tour Piccoli Gruppi

Vietnam, Cambogia, Thailandia. Le meraviglie dell'Indocina vi aspettano tra templi, villaggi su palafitte e spiagge incontaminate.

Inverno 2024 | Durata: 14 giorni
Thailandia Special | Tour Piccoli Gruppi

Thailandia Special Tour Piccoli Gruppi

UN VIAGGIO NELLA THAILANDIA PIU' SORPRENDENTE. DALLA VIBRANTE BANGKOK, ALLA MAGIA DEI SITI ARCHEOLOGICI PATRIMONIO DELL' UNESCO, FINO AI CONTATTI CON LA CULTURA LOCALE TRA LE MONTAGNE DEL NORD E IL TRIANGOLO D'ORO.

Prezzo: 3.490 | Durata: 16 giorni
Indocina Special | Tour Piccoli Gruppi

Indocina Special Tour Piccoli Gruppi

Ricco e intenso viaggio tra Vietnam, Cambogia e Thailandia. Da Saigon, seguendo il percorso del grande Mekong, al magnifico sito di Angkor Wat e la vita rurale di questo angolo di Asia, fino a Bangkok, la Citta' degli Angeli.

Prezzo: 2.990 | Durata: 18 giorni
Thailandia Express | Tour Piccoli Gruppi

Thailandia Express Tour Piccoli Gruppi

Alla scoperta del sorriso thailandese attraverso la magia di Bangkok, le rovine di Ayutthaya e i paesaggi di Chang Mai, per concludere con un po’ di relax sull'isola di Phuket. Tour in Thailandia per un’immersione nella cultura e nella bellezza del Paese.

Nessuna data | Durata: 13 giorni
Senza Pensieri
Giappone e Thailandia | Viaggi di nozze

Giappone e Thailandia Viaggi di Nozze

Prezzo: 3.250 | Durata: 14 giorni
 

­ La gentilezza
dovrebbe diventare il modo naturale della vita,
non l’eccezione. ­

Buddha

TRAILER THAILANDIA, TRA SORRISI, CONTRASTI E VASTI PAESAGGI

 

Credit:

Oriol Colomar Morera

TOUR THAILANDIA, COSA VEDERE

Cosa vedere in Thailandia? Di seguito una lista delle migliori località e luoghi di interesse da scoprire durante un viaggio in Thailandia secondo Viaggigiovani.it, senza tralasciare qualche chicca meno conosciuta.
Bangkok

BANGKOK

Benvenuti nella capitale della Thailandia, conosciuta anche come la città degli angeli. L'affascinante metropoli del sud est asiatico rappresenta una tappa obbligata per chi voglia conoscere le infinite sfaccettature dell'Oriente dove è possibile riscontrare un mix di tradizioni e modernità.
Oggi Bangkok è una scintillante metropoli di sei milioni di abitanti con due affascinanti volti: quello della città vecchia con i palazzi e i templi del XVIII secolo e la città moderna con i suoi centri commerciali e le aree di sviluppo lambite dal fiume. Qui potrete scegliere di visitare le bellezze monumentali della città, rilassarvi in qualche parco oppure avventuravi nella vita notturna e nei vivaci negozi e mercati per fare shopping.
Gli amanti della cucina non resisteranno alle tentazioni dell'arte gastronomica thailandese mentre chi preferisce immergersi nella cultura non si lascerà certo sfuggire una passeggiata lungo il fiume Chao Praya, l’incantevole “Fiume dei Re”.
Tra le innumerevoli attrazioni meritano una menzione il Palazzo Reale e il Tempio del Buddha di Smeraldo (Wat Phra Kaeo). Questa parte della città con i templi dorati, le torri a spirale e le decorazioni sfavillanti, si erge protetta da una bianca fortezza. Il Wat Phra Kaeo è la cappella personale di Sua Maestà il Re ed è anche il venerato luogo del Sacro Protettore della Thailandia, il Buddha di Smeraldo.

Solo 24 ore a disposizione in questa elettrizzante metropoli? Il nostro articolo blog Cosa fare a Bangkok in un giorno. I consigli di Viaggigiovani.it farà sicuramente al caso vostro!

Amphawa

AMPHAWA

Amphawa, situata nella provincia di Samut Songkhram, si trova a circa 90 km da Bangkok. La città è benedetta dalla presenza del fiume Mae Klong, che scorre con grazia nel suo centro prima di confluire nel Golfo del Siam. Una rete di canali panoramici (khlong) serpeggia attraverso la regione. La città, che si estende su una vasta area, ospita una popolazione di circa 55.000 abitanti. Tuttavia, negli ultimi quindici anni, l'arrivo del mercato galleggiante ha aumentato notevolmente la popolazione della città ogni fine settimana. Nel pomeriggio dal venerdì alla domenica, il mercato di Amphawa è noto per le sue offerte uniche e particolari, tra cui la preparazione di piatti direttamente sulle barche, in particolare di frutti di mare. Il concetto alla base di questo mercato galleggiante è di una semplicità rinfrescante. Lungo il corso d'acqua attraccano barche dotate di piccole cucine, che offrono una vasta scelta di piatti come frutti di mare (in prevalenza), pesce, riso saltato e altro ancora. Per gustare queste delizie, basta ordinare e trovare posto in uno dei tavolini disposti lungo la riva del fiume. Tutte le movimentate bancarelle contribuiscono a creare la pittoresca scena del mercato e passeggiando qui si possono immortalare molte opportunità fotografiche. Quindi, se desiderate fare shopping e mangiare in modo eccezionale, Amphawa è una delle migliori località da visitare.

Kanchanaburi

KANCHANABURI

Kanchanaburi si trova a 130 chilometri a ovest di Bangkok, a solo due ore di auto. Questa piccola città, è il terzo capoluogo di provincia più esteso della Thailandia, copre quasi 20,000 km2. Si estende fino all’estremo ovest e fa da confine con il Myanmar. La provincia vanta cascate e grotte tra le più belle della Thailandia nei suoi parchi nazionali, così come il ponte storico che attraversa il fiume Kwai e sport eccitanti come il rafting. Inoltre, è un luogo ideale per esplorare la campagna thailandese senza allontanarsi troppo da Bangkok. Vi sono diversi posti che meritano d’essere visitati ma in cima alla classifica della popolarità stanno il ponte e il museo della guerra che testimoniano la costruzione dell’infame “Ferrovia della Morte”, la quale attraversa il fiume Kwai e il Myanmar, durante la Seconda Guerra Mondiale. Splendidi templi e siti storici sorgono tra le colline e le valli, e i paesaggi lussureggianti sono ideali per la corsa in bicicletta, il trekking, le escursioni sul gommone o le gite sull’elefante.

Uthai Thani

UTHAI THANI

Una terra con una lunga storia e una grande diversità etnica, Uthai Thani dispone di natura incontaminata che offre rifugio a specie selvatiche in via di estinzione della Thailandia, in particolare all'interno della Riserva naturale Huai Kha Khaeng, Patrimonio Naturale dell'Umanità. Uthai Thani è una provincia ricca di risorse naturali, come le foreste e la fauna selvatica. La Riserva di Huai Kha Khaeng è stata anche proclamata Patrimonio Naturale dell'Umanità per le sue giungle incontaminate, foreste, pianure, corsi d'acqua e, soprattutto, un certo numero di animali rari e in via di estinzione. I viaggiatori possono anche vedere i diversi stili di vita locali di Uthai Thani, come ad esempio la vita di coloro che vivono sulle zattere sul Sakae Krang River, un corso d'acqua che è stato ancora di salvezza per il popolo di Uthai Thani fin dai tempi antichi. La vita è cresciuta intorno e sul fiume tanto che risulta la fonte per il loro sostentamento e mezzo commerciale per la provincia.

Koh Samed

KOH SAMET

Tranquilla e silenziosa, ma a sole tre ore da Bangkok, Koh Samet è una splendida isola del Golfo di Thailandia famosa per le sue rilassanti spiagge. Più popolare tra i residenti di Bangkok in cerca di una fuga dalla città che tra i turisti internazionali, Koh Samet è un'ottima destinazione per il fine settimana. Le sue quattordici spiagge, piccole ma di un bianco abbagliante, sono di una bellezza disarmante, lambite da un'acqua limpida blu e ancora ombreggiate da palme da cocco e da occasionali alberi di cajeput (samet) dai fiori bianchi, che hanno dato il nome all'isola e utilizzati per costruire le barche. Le migliori spiagge di Samet si trovano lungo la costa orientale, dove si trovano quasi tutti i resort con bungalow e il litorale della costa settentrionale conserva un'atmosfera piacevolmente rurale. La maggior parte degli isolani e del personale dei resort vive a nord-est, vicino al molo principale dell'isola, nel villaggio di Na Dan, dove si trovano piccoli negozi e bancarelle di cibo a buon mercato, oltre all'unica scuola, al centro sanitario e al Wat di Samet.

Ayutthaya

AYUTTHAYA

L'antica città di Ayutthaya, o Phra Nakhon Si Ayutthaya, la capitale tailandese per 417 anni, è una delle attrazioni turistiche più importanti della Thailandia. Molte antiche rovine e opere d'arte possono essere viste nella città che è stata fondata nel 1350 dal re U-Thong, quando i thailandesi sono stati costretti a sud dai vicini. Quando Ayutthaya era la capitale thailandese, 33 re di diverse dinastie governarono il regno fino a quando non fu saccheggiata dai birmani nel 1767.
Ayutthaya è 76 chilometri a nord di Bangkok e vanta numerose magnifiche rovine. Tali resti indicano che Ayutthaya era una delle città dell'Indocina più prospere. Il parco Phra Nakhon Si Ayutthaya, che occupa un vasto tratto di centro storico nel cuore della città, è stato incluso nella lista UNESCO del patrimonio mondiale dal 13 dicembre 1991.

Desiderate scoprire l'antica storia di Ayutthaya? Lasciatevi convincere dal nostro tour Thailandia Express.

Sukhothai

SUKHOTHAI

Sukhothai è situata nella parte meridionale della porzione Nord del paese, il suo capoluogo omonimo, si trova a circa 450 km. a nord di Bangkok e a 350 km a sud di Chiang Mai. La provincia si estende su un territorio di 6.596 km2 ed è nota soprattutto per essere stata il centro dell’antico regno thai. Nelle città di Sukhothai e Si Satchanalai, in special modo, troviamo un’alta concentrazione di siti archeologici.
La sua principale attrattiva naturale è il parco montano di Khao Luang. Il capoluogo di provincia, che a volte viene chiamato Sukhothai Nuova, è una piccola città che sorge sulle rive del fiume Yom, qui l’attività prevalente è il turismo che sfrutta il flusso di visitatori che vengono a vedere il vicino complesso archeologico di Sukhothai. Principali luoghi d'interesse sono: Santuario Phra Mae Ya, Museo Sangkhalok, Museo ittico e la città antica di Sukhothai.

Voglia di partire verso l'enigmatica Sukhothai? Il tour tour Thailandia Special è la risposta.

Chiang Rai

CHIANG RAI

Chiang Rai è una piccola, ma attraente città. Situata a 785 chilometri a nord di Bangkok, Chiang Rai è la capitale della regione dell’estremo nord. Situata a quasi 600 metri sul livello del mare copre un area di circa 11.700 km2, la sua provincia confina con il Myanmar a nord e con il Laos a nord-nord-est. La maggior parte del territorio è montagnoso, con cime che raggiungono 1.500 metri di altezza e nelle valli tra le montagne scorrono diversi fiumi, il più importante è il fiume Kok, vicino al quale sorge la città di Chaing Rai. All’estremo nord della provincia si trova una zona denominata "il Triangolo d’Oro" dove il fiume Mekong e il fiume Ruak si incontrano e creano così la linea di frontiera tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos. Mentre le alte montagne sono abitate da tribù come gli Akha, i Lahu, i Karen ed i Mong.
La regione possiede una lunga storia di piccoli regni che ebbero la loro origine nel periodo pre-Thai, mentre la città di Chaing Rai fu fondata nel 1262 dal Re Mengrai ed era la capitale del Regno Lanna fin quando non venne superata in importanza da Chaing Mai. Oggi, Chiang Rai si presenta come un perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del Nord.

Chiang Mai

CHIANG MAI

Chiang Mai è la più grande città, anche dal punto di vista culturale, della Thailandia del nord. Si trova a circa 700 km da Bangkok ed è situata vicino alle montagne più elevate del paese, come il Doi Intanon. La Rosa del Nord è percorsa dal fiume Ping che è anche il principale affluente del Chao Phraya River che attraversa Bangkok. Negli ultimi decenni Chiang Mai è andata ad assumere un aspetto di città moderna, sebbene mancante di quell’aspetto cosmopolita che caratterizza Bangkok. Ha però moltissime attrazioni in grado di coinvolgere, ogni anno, migliaia di visitatori stranieri. Oltre alla città, la provincia di Chiang Mai si estende lungo un’area di 20.000 km quadrati e vanta alcuni dei più pittoreschi paesaggi di tutto il Regno. La fertile valle del fiume Ping, un mosaico di risaie, è circondata da colline ondulate e la provincia è un insieme di foreste, fiumi, montagne coperte da boschi (compresa la cima più alta della Thailandia: Doi Inthanon).

Khao Yai NP

KHAO YAI NP

Il Parco Nazionale di Khao Yai è il più antico della Thailandia, fondato nel settembre del 1962. Nel 1982 poi è stato inserito nella lista dei siti patrimonio del patrimonio mondiale ASEAN grazie anche alla varietà sua flora e fauna. Il Parco è stato anche nominato sito del Patrimonio Mondiale del Mondo Unesco.
Khao Yai è in termini di grandezza il terzo Parco Nazionale più grande della Thailandia, coprendo un’area di 2.165,55 kilometri quadrati con la sua vetta più alta Khao Rom che raggiunge i 1.351 metri sul livello del mare. Inoltre Khao Yai fa parte del Dongrak Range che forma una importante catena montuosa. Il Parco è situato a 200 km circa a nord-est di Bangkok e si estende lungo ben 4 provincie: Saraburi, Nakhon Nayok, Nakhon Ratchasima e Prachinburi. Vi sono all’ interno del parco ben 3.000 specie di piante, 320 specie di uccelli e 67 specie di mammiferi, incluso l’orso nero asiatico, l’elefante asiatico, tigri, gibboni e maiali selvaggi. Le cascate di Heo Narok ed Haeo Suwat raggiungono invece fino agli 80 metri, quest’ultima cascata resa famosa dal film “The Beach”.
Le spettacolari cascate di Khao Yak sono assolutamente uno scenario da non perdere soprattutto nei mesi di Giugno, Luglio, Agosto in cui sono in piena, tuttavia durante la stagione calda alcune cascate potrebbero essere quasi asciutte e quindi è preferibile visitarle negli altri mesi.

Phi Phi Island

PHI PHI ISLAND

Si scrive Phi Phi Island, al singolare, ma in realtà le isole sono due: Phi Phi Don e Phi Phi Leh. La quasi totalità dei viaggiatori visita entrambe, ma quando ci si riferisce a Phi Phi Island in genere si intende Phi Phi Don. È qui infatti che arrivano i traghetti da Phuket e Krabi e sorgono la totalità di alberghi e ristoranti. Phi Phi Leh invece è deserta, senza nessun insediamento, ci si può andare solamente in gita, dal mattino alla sera. Fino ad una quindicina di anni fa Phi Phi Don era una delle isole in assoluto più spettacolari dell’intero Sud-est asiatico. Ma oggi è ancora così? Una parte importante dell’isola di Phi Phi Don, il famosissimo istmo dove si affacciano le due baie gemelle di Tonsai e Loh Dalam, è certamente irriconoscibile. Qui non c’è più nessuna magia. E non è stato lo tsunami, bensì la sfrenata edilizia. Phi Phi Don però mantiene inalterata tutta la sua bellezza. Sulla costa orientale di Phi Phi si trovano spiagge magnifiche, tra le più belle delle Thailandia, con un mare azzurro, a tratti anche limpido e trasparente, quasi come ai Caraibi o le isole giuste dell’Oceano Indiano. Nonostante il movimento di barche rappresenti un fastidio e renda meno limpida l’acqua, ad oggi Phi Phi rimane ancora l’isola più spettacolare della Thailandia. Senza dimenticare che continuano a non esserci strade, non ci sono auto ed i motorini sono pochi.

Phuket

PHUKET

Phuket è la più grande isola della Thailandia ed è conosciuta anche come la perla delle Andamane. Il visitatore che la vede per la prima volta rimarrà senz'altro stupito dalla bellezza delle sue sabbie bianche e l'azzurro delle sua acque cristalline. Ma Phuket non è solo mare, è anche giungla fitta, immensi boschi, palme da cocco e soprattutto, è una distesa di sorrisi sinceri e un melting-pot di tante culture che ne hanno plasmato l'aspetto. La varietà del paesaggio è la principale ricchezza del posto. Phuket è infatti dominata da una catena di montagne lungo la costa occidentale, comprende numerosi microclimi e una sorprendente varietà di flora e fauna che prospera tra promontori rocciosi e ampie spiagge a mezzaluna, scogliere calcaree e colline ricoperte da foreste tropicali. Su questa favolosa isola, non mancano le possibilità di svago: snorkeling, gite in barca, trekking e una sconfinata distesa di isole e isolotti tutti da scoprire.

 

ESPERIENZE DA PROVARE IN UN TOUR THAILANDIA, LA TOP 5

 

COSA MANGIARE IN THAILANDIA, I PIATTI TIPICI DELLA CUCINA THAILANDESE

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia il cibo! Tante opzioni tra cui scegliere ed in modi diversi, sia in piedi mangiando dello street food o comodamente seduti in un ottimo ristorante, le pietanze della Thailandia stupiscono! Cosa mangiare in Thailandia? Con aromi intensi e sapori pungenti, la cucina tailandese è rinomata in tutto il mondo. La Thailandia è nota per il suo incredibile equilibrio di sapori dolci, acidi, amari e salati, spesso rifiniti con erbe aromatiche. La cucina tailandese è stata influenzata da molte culture, tra cui India, Cina e Portogallo e hanno incorporato queste influenze nella loro cucina per secoli per creare i loro piatti unici. I thailandesi raccomandano di non bere mai acqua dopo aver mangiato un piatto piccante perché le papille gustative peggiorerebbero sensibilmente. Al posto dell’acqua raccomandano di bere latte, latte di cocco, lassi (bevanda a base di yogurt) o yogurt. I tre pasti principali, colazione pranzo e cena, sono tutti speziati e c’è poco spazio per il dolce, anche di mattina. Il riso è l’ingrediente maggiormente utilizzato in combinazione con il pollo. Di seguito una lista delle migliori pietanze e bevande tipiche della Thailandia:

  • Som tam: il som tam classico è composto da papaya verde tagliuzzata, pomodori, carote, arachidi, gamberi secchi, fagioli, zucchero di palma, polpa di tamarindo, salsa di pesce, succo di lime, aglio e molti peperoncini, mescolati insieme con un mortaio e un pestello, che amplificano i sapori in un piatto super saporito.
  • Yam pla dook foo: in questo piatto il pesce gatto viene fritto in minuscoli pezzi creando un'insalata di pesce ariosa e soffice. Il segreto di questo piatto è l'abbinamento del pesce croccante con l'insalata di mango verde, agrodolce e piccante.
  • Pak boong: questa verdura simile agli spinaci viene tipicamente fritta e condita con pasta di soia, salsa di soia, aglio, peperoncini e altro ancora. È salata, piccante, acida e croccante allo stesso tempo, soddisfacendo il palato di chiunque.
  • Khao niao: questo sticky rice è uno dei principali alimenti base della regione Isan. Lo sticky rice ha una presenza così forte nella cucina thailandese da essere utilizzato in molti tipi di piatti, dall'antipasto al dessert.
  • Gai hor bai toey: si tratta di pollo fritto con foglie di pandano. Il pandano è una pianta ampiamente utilizzata in Asia per aggiungere aroma e colore ai cibi. La sua fragranza, che ricorda la vaniglia, dà un tocco speciale a questo piatto. Il pollo viene marinato, poi arrotolato nella foglia di pandan e fritto nel wok.
  • Hor mok pla: hor mok indica il processo di cottura di questi fagottini al curry cotti al vapore su una foglia di banano. Assomiglia più a un soufflé di pesce al vapore preparato con crema di cocco, pasta di curry e kaffir lime.
  • Thai chicken satay: strisce di pollo o di manzo vengono marinate in una speciale pasta tailandese: infilzate e grigliate o cotte al vapore. Il tutto viene poi servito con una salsa di arachidi fatta in casa per un gusto memorabile.
  • Guay teow: per guay teow si intende qualsiasi tipo di zuppa di noodle. Può essere preparata con pollo, maiale o manzo e con spaghetti di riso o all'uovo. Nella maggior parte dei casi, i venditori aggiungono al brodo anche wonton o polpette. Il piatto è meglio condito con una selezione di condimenti, tra cui zucchero, peperoncini secchi, succo di lime e salsa di pesce.
  • Tom yum goong: è creato con ingredienti thailandesi per eccellenza come citronella, peperoncino, galangal, foglie di lime kaffier, scalogno, succo di lime fresco e abbondante salsa di pesce. Si aggiungono gamberi e funghi freschi e crema di cocco se si desidera una versione più cremosa.
  • Tom kha gai: imparentato con il tom yum, il tom kha gai è caratterizzato dalla presenza di latte di cocco cremoso, che crea una ricca zuppa dolce.
  • Yam talay: a seconda del luogo in cui ci si trova, questa insalata può contenere qualsiasi combinazione di calamari, gamberi, cozze, capesante o polpa di granchio. A questo mix di frutti di mare si aggiungono pomodori, cipolle e spaghetti di riso.
  • Laab: un'insalata in stile nord-orientale con carne o funghi e menta, originaria della provincia nord-orientale di Isan. Il laab è disponibile in diversi stili, tra cui pollo, maiale e funghi. Non consigliata a chi non sopporta le spezie, perché tende a essere molto piccante.
  • Pad thai: un piatto di noodle fritti che di solito viene preparato con gamberi o pollo, ma è molto diffusa anche l'opzione vegetariana. Il Pad thai è disponibile in quasi tutti gli angoli delle strade ed è un piatto economico e gustoso, oltre ad essere uno dei piatti più famosi.
  • Khao niao mamuang: noto come mango sticky rice, non è altro che fette di mango servite con riso glutinoso al vapore (sticky rice) mescolato con latte di cocco zuccherato. Semplice, ma delizioso!
  • Kluai buat chi: questo dolce consiste in banana cotta nel latte di cocco. Un dolce molto tradizionale della Thailandia e facile da preparare: sono sufficienti banane mature, zucchero, sale e latte di cocco.
  • Khao lam: un dolce a base di sticky rice, fagioli rossi e crema di cocco infilati in tubi di bambù cavi. Il bambù viene arrostito lentamente su carbone prima di essere aperto per rivelare il dolce e cremoso dessert all'interno.
  • Kluay kaek: frittelle di banane thailandesi arricchite con semi di sesamo tostati e cocco tritato. Dolci, calde e croccanti, sono deliziose da sole, ma ancora di più se servite con il gelato, soprattutto quello al cocco thailandese.
  • Tub tim grob: un dolce a base di castagne d'acqua tagliate a cubetti prima di essere immerse nella granatina o nel colorante alimentare rosso. Vengono poi ricoperte di farina di tapioca e bollite in acqua prima di essere servite con latte di cocco e ghiaccio.
  • Khanom bueang: si tratta di crepes thailandesi farcite con meringhe prima di essere condito con altri ingredienti come foi thong o del delizioso cocco grattugiato.
  • Nam manao: succo di lime composto da (sì, avete indovinato) lime, zucchero e acqua. L'intruglio offre ai consumatori un gusto rinfrescante nel caldo tropicale.
  • Nom yen: un’attraente bevanda tailandese dal particolare colore rosa dovuto allo sciroppo di sala. Il dolcificante è una miscela sintetica di sala (un tipo di frutto di palma) con zucchero e acqua.
  • Acqua di cocco: ricca di vari minerali che aiutano a riprendersi più velocemente dopo una lunga camminata. Non ci sono molti segreti per l'acqua di cocco: basta tagliare la parte superiore del frutto per averla!
  • Nam manao: questa bevanda si riconosce facilmente per il suo vibrante colore arancione. Tradizionalmente, le persone dovevano preparare il tè nero prima di aggiungerci il latte e le varie spezie. Oggi è sufficiente la confezione di Cha Yen che contiene tutti i condimenti necessari da mescolare con zucchero e panna.
 

SHOPPING THAILANDIA, I PRODOTTI TIPICI DELLA THAILANDIA

Non vorrete mica tornare a casa da un tour Thailandia senza un regalo o souvenir per i vostri amici (o per voi stessi)? Il paese offre una grande varietà di prodotti locali, che vi ricorderanno il viaggio nel regno dei sorrisi. Ecco una breve lista di cosa potete comprare in Thailandia:

  • Seta thailandese: sciarpe, camicie, copricuscini, portafogli e copricuscini sono tutti tessuti a mano utilizzando i fili di seta più morbidi. Si tratta di seta ricavata da bruchi nutriti con una dieta rigorosa a base di gelso, tessuta con trame e disegni sfumati. La seta tailandese è uno dei regali e dei souvenir più belli che si possano acquistare in Thailandia per i propri familiari e amici, o per voi stessi!
  • Spezie thailandesi: se, una volta tornati a casa, sentirete la mancanza dell'aroma del curry thailandese, le spezie thailandesi vi riporteranno subito indietro. Peperoncino tritato, semi di coriandolo, noce moscata, chiodi di garofano, cannella, anice stellato, cenere d'India e pepe lungo sono alcune delle spezie comunemente usate e disponibili nei mercati di strada.
  • Prodotti termali thailandesi: gli oli essenziali, le candele profumate e i bagni di schiuma che ne conseguono mancheranno sicuramente una volta lasciata la Thailandia. Ma se non potete portare a casa la Thailandia, potete portare con voi i massaggi aromatici thailandesi. Non sono solo calmanti, ma fanno anche bene alla pelle. I prodotti termali sono uno dei souvenir più venduti in Thailandia.
  • Sculture di sapone: se le candele profumate sono un regalo classico, le sculture di sapone possono essere il miglior sostituto. Sono disponibili in diverse forme, dimensioni e stili, da un loto in fiore strutturato a un delicato fiore blu con una coccinella sopra.
  • Artigianato thailandese: i negozi e i mercati di artigianato locale attendono con entusiasmo la vostra voglia di decorare le vostre case con oggetti in lacca, piatti in ceramica o sculture in legno. Cuscini e copricuscini, imbottiti o meno, possono essere acquistati a prezzi incredibilmente bassi e i loro colori possono essere personalizzati in base alle pareti del salotto.
  • Gioielli in argento: la Thailandia ha il primato mondiale per la lavorazione dell’argento, approfittatene nei mercati, ma fate attenzione però all’argento non puro: se portate con voi una calamita riconoscerete l’argento vero perché non è elettromagnetico.

Evitate di acquistare statue di Buddha (l’esportazione è illegale), sigarette o prodotti vietati ai minori perché è considerato reato e le punizioni sono piuttosto severe.

 

FAQ & INFORMAZIONI THAILANDIA

  • Passaporto: per recarsi in Thailandia è necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo e almeno due pagine libere rimanenti per l’apposizione del visto.
  • Visto: il visto d'ingresso non è necessario per soggiorni con motivi turistici non superiori ai 30 giorni (all’arrivo in Thailandia per via aerea, viene apposto sul passaporto un timbro, che consente la permanenza nel Paese per 30 giorni).

IMPORTANTE
In ogni caso i viaggiatori provvederanno, prima della partenza, a verificare l'aggiornamento dei propri documenti presso le competenti autorità (per i cittadini italiani le locali Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero telefonico 06 491115) adeguandovisi prima del viaggio. In assenza di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza di uno o più viaggiatori potrà essere imputata all'organizzatore. Lo staff di Viaggigiovani.it è sempre e comunque a disposizione.

    Occorre sempre attenersi ad alcune indicazioni preventive nonché mantenere una corretta igiene personale. Si consiglia durante la permanenza di non consumare cibi e/o bevande di dubbia provenienza, bere solo acqua e bibite in bottiglia senza l'aggiunta di ghiaccio se non in esercizi pubblici che forniscono garanzie di igiene; evitare insalate e frutti di mare in ristoranti popolari; dissetarsi con frequenza, per prevenire gli inconvenienti legati a fenomeni di disidratazione frequenti nei paesi tropicali.

  • Vaccinazioni obbligatorie: non ci sono vaccinazioni obbligatorie per recarsi in Thailandia. Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio per tutti i viaggiatori di età superiore ad 1 anno provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia.
  • Vaccinazioni facoltative: previo parere medico, consigliato vaccinarsi contro epatite tetano e difterite. In ogni caso, per le vaccinazioni facoltative, è sempre meglio contattare il proprio medico di fiducia o l’ASL locale.
Le città thailandesi sono, in linea di massima, sicure. Può essere tuttavia opportuno evitare, soprattutto nelle ore serali, le zone periferiche, così come quelle in cui si svolgono attività non connesse con il turismo propriamente detto. In ogni caso, si consiglia in generale un atteggiamento di cautela in ogni area del Paese.
Prima di recarsi in Thailandia è giusto ed ideale domandarsi quale sia il periodo migliore per visitarla. Prima di partire è importante tenere a mente che il clima della Thailandia è di tipo tropicale monsonico, dove la temperatura dell’aria e dell’acqua è molto alta tutto l’anno nella gran parte del paese e i mesi più caldi sono quelli tra marzo e maggio con picchi più elevati nel mese di aprile. I monsoni sono dei grandi flussi d’aria che interessano in particolare il sub-continente indiano e la penisola indocinese e la direzione di questi venti crea due stagioni distinte: la stagione delle piogge e la stagione secca. Detto questo, vediamo insieme quando andare in Thailandia:
  • La stagione delle piogge: da fine maggio a ottobre le temperature medie sono più basse e oscillano tra i 28 e i 32 gradi. Precisiamo subito che in Thailandia i monsoni sono, fortunatamente, meno piovosi e irruenti rispetto agli altri paesi del sud-est asiatico. Qui i monsoni sono fugaci, ma intensi e spesso lasciano spazio a molte giornate di sole, che risultano persino piacevolmente rinfrescate dalla pioggia. Fa eccezione a questo schema, la zona occidentale del Golfo della Thailandia, in quanto dotata di un microclima unico che rende le sue isole soleggiate durante il periodo estivo.
  • La stagione secca: da novembre a fine marzo si può godere di un clima mite e asciutto, con temperature medie che variano tra i 26 e i 30 gradi, e tante magnifiche giornate di sole.

Una parentesi a parte va fatta per i mesi di aprile e maggio, in quanto non presentano piogge e monsoni ma sono i mesi in assoluto più caldi dell’anno con temperature medie comprese tra i 28 ed i 35 gradi!

In conclusione, qual è il periodo migliore per andare in Thailandia? Se volete fare un bagno, il mare thailandese è caldo tutto l'anno, ma bisogna fare una distinzione in base alle zone per evitare di essere sorpresi da un acquazzone. In generale, il mese migliore per visitare la Thailandia è gennaio, sia a livello climatico che economico. Da novembre ad aprile è il periodo di alta stagione, dove si concentrano maggiormente i turisti e anche i prezzi salgono. Di seguito il periodo migliore mese per mese, considerate sempre che... il clima sta cambiando.

 
Mese Valutazione (da 1 a 5 gekini)
Gennaio  
Febbraio  
Marzo  
Aprile  
Maggio  
Giugno  
Luglio  
Agosto  
Settembre  
Ottobre  
Novembre  
Dicembre  
  • + 6 rispetto all’Italia durante l’ora solare
  • + 5 rispetto all’Italia durante l’ora legale
La lingua ufficiale è il thailandese. L'inglese è parlato abbastanza spesso nelle città e nelle zone turistiche. Il Nord della Thailandia conosce infine una ricchezza linguistica importante, conseguenza della presenza delle "tribù delle colline". Diverse etnie si stanziano infatti tra Chiang Mai, Chiang Rai e il Triangolo d'Oro, ognuna con una lingua/dialetto proprio.
  • Moneta: la moneta locale in Thailandia è il Baht (THB)
  • Pagamenti e cambio valuta: per facilitare le spese quotidiane, è consigliato possedere sempre delle banconote di piccolo taglio. I soldi si cambiano comunque facilmente nelle banche. Le carte di credito (Visa, Mastercard, American Express) sono accettate negli hotel di lusso, nei negozi e nei ristoranti in Thailandia. Tuttavia non sono accettate da fornitori più piccoli come piccoli ristoranti familiari, bancarelle o nelle cittadine rurali. Assicurarsi di avere denaro sufficiente per coprire gli acquisti non pagabili tramite carta di credito.
  • Sportelli Bancomat: sia all'aeroporto che nelle città della Thailandia si trovano frequentemente dei bancomat, quindi non dovrebbe essere problematico prelevare contanti. Nelle zone rurali o in piccoli villaggi, invece, possono mancare gli sportelli. Si consiglia quindi di prelevare in città o comunque munirsi di contanti.
  • Snack per strada (street food) = 40-100THB
  • Bottiglia di birra locale = 100THB
  • Cena in un ristorante elegante = 350-1.000THB
  • Corrente elettrica: la corrente elettrica in Thailandia è di 220/240 Volt.
  • Adattatore? Sì! In Thailandia è consigliato munirsi prima della partenza di un adattatore universale (non sempre gli hotel hanno adattatori da fornire).
  • Chiamare dalla Thailandia verso l'Italia: comporre 001 + 39 + il numero desiderato senza lo 0 iniziale.
  • Chiamare dall'Italia verso la Thailandia: comporre 0066 + prefisso regionale (2 per Bangkok, 53 per Chiang Mai) + il numero desiderato.
  • Rete mobile: è possibile utilizzare il cellulare nella maggior parte delle aree urbane della Thailandia, anche se alcune zone rurali avranno meno copertura di rete. Assicurarsi di avere il roaming internazionale.
  • Internet: l’accesso a internet è ampiamente disponibile nelle città e località turistiche come Bangkok e Phuket, dove ci sono molti internet caffè e hot-spot wi-fi. L’accesso a internet è meno frequente nelle zone rurali.
La Thailandia è una terra ricca di templi che, con le loro decorazioni dorate, i tetti ad arco e i motivi architettonici, sono una vera delizia da fotografare, ma, naturalmente, ci sono alcune regole precise da rispettare. È considerato scortese entrare in un tempio thailandese e non guardare in faccia le statue di Buddha al suo interno. Le statue di Buddha hanno un grande significato e l'errore culturale più spiacevole che si possa commettere è quello di mettersi in posa accanto ad esse per un selfie. Potete certamente fotografare i Buddha, ma ricordate che state calpestando un terreno sacro e che quindi è necessario avere un atteggiamento rispettoso. La fotografia di strada in Thailandia è di norma consentita, il che significa che si può semplicemente andare in giro a fotografare persone e cose. Ci sono tuttavia alcuni luoghi in cui ciò non è consentito, in particolare i templi, visto che alcuni non permettono di fotografare il Buddha. Prima di scattare, verificate sempre le informazioni appropriate sui cartelli.
  • Esercizi commerciali: aperti per la maggior parte cinque giorni a settimana (dal lunedì al venerdì).
  • Uffici Pubblici: dalle 8.30 alle 16.30, con una pausa per il pranzo dalle 12.00 alle 13.00, dal lunedì al venerdì, tranne che durante le festività pubbliche.
  • Negozi: aperti 12 ore al giorno, sette giorni su sette.
La mancia non è obbligatoria ma è ben accetta da camerieri e tassisti.
Non consigliamo di bere l’acqua di rubinetto in Thailandia, piuttosto vi suggeriamo di riempire una bottiglia d’acqua riutilizzabile o una borraccia con acqua filtrata.
In Thailandia non c’è una religione di stato, tuttavia la maggioranza della popolazione professa il buddhismo (la confessione Theravada) ma è presente anche una minoranza musulmana, soprattutto nelle regioni meridionali, e sikh ed indù.
  • Capodanno (01 gennaio)
  • Magha Puja (luna piena, 3° mese lunare tailandese (febbraio))
  • Giornata della Memoria Chakri (6 aprile)
  • Songkran Festival (13 - 15 aprile)
  • Giorno dell'incoronazione (4 maggio)
  • Cerimonia di aratura reale e Giornata dell'agricoltore (maggio, data arbitraria)
  • Vesak (luna piena, 6° mese lunare tailandese (maggio))
  • Compleanno della Regina Suthida (3 giugno)
  • Compleanno del Re (28 luglio)
  • Asalha Puja (luna piena, 8° mese lunare tailandese (luglio))
  • Inizio di Vassa (prima luna calante, 8° mese lunare tailandese (luglio))
  • Il compleanno della Regina Madre (12 agosto)
  • Giornata della Memoria di Re Bhumibol Adulyadej (13 ottobre)
  • Giornata del Re Chulalongkorn (23 ottobre)
  • Compleanno del re Bhumibol Adulyadej (5 dicembre)
  • Giornata della Costituzione (10 dicembre)
Ambasciata d'Italia a BANGKOK
CRC Tower, All seasons Place
40th Floor
87 Wireless Road
Lumphini, Pathumwan
Bangkok 10330
Prefisso dall’Italia 0066
Tel. 0)2 250 4970 - Fax: (0)2 250 4988 Ufficio Consolare
Con Viaggigiovani.it parti sicuro: l'assicurazione è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi! La polizza Allianz di Viaggigiovani.it, una copertura estesa, continua e personalizzata in ogni parte del mondo, ti garantisce:
  • assicurazione 360°: annullamento, malattia, spese mediche e bagaglio
  • copertura pandemie: annullamento, copertura sanitaria e rimborso spese in seguito a malattia e/o quarantena per pandemia (come Covid-19)

Per ogni dettaglio sulla polizza assicurativa di Viaggigiovani.it ti rimandiamo alla pagina assicurazione di viaggio.

 

 

PLAYLIST ON THE ROAD, LA COLONNA SONORA IDEALE PER UN TOUR IN THAILANDIA

Ad un primo ascolto, la musica thai non risulta armoniosa come la musica a cui noi siamo abituati in occidente. Anzi potrebbe sembrare quasi stonata. Basta farci l’orecchio però per riuscire a capire che ha un suo perché, una musica incalzante, surreale, quasi mistica. Si pone molta enfasi sulle percussioni, ma sono sempre presenti anche svariati strumenti a corda. Ascolta insieme a noi i brani thailandesi più famosi del momento! La playlist creata da noi #Nomadimoderni ti porterà nel cuore della Thailandia. SOUND ON.

 

 

PAGINE & POPCORN, I MIGLIORI LIBRI E FILM PER ASSAPORARE LA THAILANDIA

Le letture sono sempre un ottimo compagno di viaggio e i film permettono di assaporare la meta prima della partenza. Per questo il team di Viaggigiovani.it ha elaborato una lista di libri di viaggio 📚 e dei film 🍿 più entusiasmanti ambientati in Thailandia; se avete qualche aggiunta non siate timidi, scriveteci...

LIBROAUTORE
L’ultima spiaggia Alex Garland
Lo zoo delle donne giraffa. Un viaggio tra Kayan nella Tailandia del nord Martino Nicoletti
La terra dei monsoni Pra Sudham
Veleno Saneh Sangsuk
Emmanuelle Emmanuelle Arsan
Il ponte sul fiume Kwai Pierre Boulle
L'uomo di Bangkok John Burdett
FILMREGISTA
The beach Danny Boyle
Anna and the king Andy Tennant
Ong Bak – Nato per combattere Prachya Pinkaew
The man with the golden gun Guy Hamilton
Una notte dal leoni 2 Todd Philipps
Solo Dio perdona Nicolas Winding Refn
Piattaforma Michel Houellebecq

viaggi skyline arancio 2020
­

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Untitled Box