­
Tanzania

Tanzania

La Tanzania è un "must" per tutti gli appassionati di fauna ed ogni avventuriero in generale. Come nessun'altra destinazione dell'intero globo, un viaggio in Tanzania permette di abbinare adrenalinici safari nei parchi naturalistici più suggestivi d'Africa a rigeneranti giornate in una delle isole dell'arcipelago di Zanzibar.

Il vento nella savana, le strade polverose, i tramonti infuocati, l'incontro con i Masai, i vulcani impetuosi. La Tanzania riesce a regalare le immagini più disparate ma nulla sarà paragonabile all'avvistamento degli animali più belli al mondo: elefanti leggiadri, giraffe curiose, ghepardi scattanti, leoni assonnati, antilopi di ogni genere, bufali e gnu in ogni dove. E ancora, ippopotami, sciacalli, facoceri, fenicotteri, aquile. I parchi Serengeti e Tarangire, il cratere Ngorongoro e il Lake Manyara sono l'habitat perfetto per questi e tanti altri animali.

Oltre ai parchi per i safari, la Tanzania è il luogo ideale per i trekking: il Kilimangiaro, la vetta più alta del continente, si trova proprio qui, nel nord-est del Paese al confine con il Kenya. La conquista del "Tetto d'Africa" richiede allenamento e sacrificio ma ogni sforzo sarà ripagato...

Le possibilità di pernottamento di un viaggio in Tanzania sono molte: da spartani campi tendati a lussuosi lodge, qualsiasi sia la scelta sarà comunque facile e spontaneo ambientarsi, perché troverete gente calorosa ed ospitale. Per concludere in bellezza l'esperienza in questa terra, consigliamo sempre qualche giorno di meritato relax a Zanzibar. Isola dal ritmo lento, dettata dalla legge del "pole pole", dove il tempo sembra essersi fermato, un viaggio a Zanzibar è uno dei piaceri della vita.

Ne siamo convinti: la Tanzania vi farà venire il mal d'Africa!

DESTINAZIONE MOMENTANEAMENTE NON RAGGIUNGIBILE PER TURISMO

 
In base alla normativa italiana vigente, sono ancora vietati gli spostamenti per turismo verso questo Paese. Le prenotazioni per questa destinazione sono comunque aperte perché se alla data programmata si potrà viaggiare, proveremo a confermare e far partire il viaggio, con tutte le misure necessarie. In ogni caso per tutelare maggiormente i viaggiatori, nella nostra assicurazione abbiamo incluso la copertura pandemie (come C-19). Per ogni aggiornamento e poter scoprire dove si può viaggiare per turismo, ti rimandiamo all'articolo "riapertura frontiere". Il nostro staff resta sempre a tua disposizione per qualsiasi dettaglio.
 
­
I nostri safari Tanzania

­
Spoiler di emozioni Tanzania

­
Cosa vedere in Tanzania
­
Tanzania luoghi di interesse

­
Pietanze tipiche Tanzania

­
Acquisti e souvenir Tanzania
­
Informazioni generali Tanzania

­
Playlist Tanzania on the road

­
Libri e Film sulla Tanzania

 

Tanzania Zanzibar, le nostre migliori proposte per un safari in Tanzania e un viaggio a Zanzibar

 
 
Tanzania Express | Tour Piccoli Gruppi

Tanzania Express Tour Piccoli Gruppi

Breve ma avvincente safari in Tanzania tra i suoi parchi migliori, come il Serengeti e Ngorongoro, per l'avvistamento della fauna locale, una delle esperienze imperdibili di un viaggio in Africa.

Autunno 2021 | Durata: 8 giorni
 
Tanzania Zanzibar | Tour Piccoli Gruppi

Tanzania Zanzibar Tour Piccoli Gruppi

Viaggio in Tanzania tra avventurosi safari nel Serengeti e nella caldera di Ngorongoro e giornate di relax a Nungwi, la spiaggia piu' settentrionale di Zanzibar.

Estate 2022 | Durata: 12 giorni
 
senza pensieri
Tanzania & Zanzibar, Safari & Relax | Tour Piccoli Gruppi

Tanzania e Zanzibar, Safari e Relax Viaggi su misura

Viaggio in Tanzania su misura alla scoperta dei suoi parchi piu' sensazionali, tra cui spicca il Serengeti, per terminare con il meritato riposo catapultati in un altro mondo sull'arcipelago di Zanzibar.

Prezzo: 3.700 | Durata: 12 giorni
 
Tanzania e Zanzibar | Viaggi su misura

Tanzania e Zanzibar Viaggi di nozze

Tanzania e Zanzibar, emozionante viaggio di nozze alla scoperta della natura piu' selvaggia, dai baobab del Tarangire fino alle immense pianure del Serengeti. Un parco marino su un'isola privata sara' la sorpresa, prima dell'esplosione di colori sulle coste di Zanzibar.

Prezzo: 4.950 | Durata: 15 giorni
 

­ L’Africa è un pensiero, un’emozione, quasi una preghiera:
lo sono i suoi silenzi infiniti; i suoi tramonti;
quel suo cielo che sembra molto più vicino del nostro, perché si vede di più,
perché le sue stelle e la sua luna sono più limpide, nitide, pulite: brillano di più. ­

Claudia Cardinale

TRAILER TANZANIA, UNO SPOILER DI ADRENALINICI SAFARI

 

Credit:

Boone Sommerfeld

 

TANZANIA E ZANZIBAR, COSA VEDERE

Cosa vedere in Tanzania? Di seguito una lista delle migliori località da scoprire durante un'avventura safari in Tanzania e/o un rilassante viaggio a Zanzibar secondo Viaggigiovani.it.
Safari in mongolfiera nel Serengeti

SERENGETI

Il Serengeti, situato nella parte settentrionale della Tanzania, è il parco più famoso del Paese, nonché uno dei più famosi al mondo. La sua savana si estende su una superficie di ben 14.763 kmq ed è abitata da una fauna a dir poco incredibile. L'ecosistema del Serengeti National Park ospita, infatti, più di 1.500.000 gnu, circa 300.000 🦓 zebre, 500.000 gazzelle di Thompson, più di 2.700 leoni, 1.000 leopardi, 500 ghepardi, enormi mandrie di elefanti, eland, impala, antilopi d’acqua, giraffe, struzzi, genette, e i suoi corsi d’acqua pullulano di coccodrilli e 🦛 ippopotami. Gli amanti del birdwatching saranno entusiasti di sapere che le specie di uccelli sono più di 400. Il nome del parco deriva dalla parola "siringet" che nella lingua dei Masai significa "pianura senza fine"; siamo convinti che sarà proprio questa la sensazione che proverete ammirando le praterie che sembrano estendersi all’infinto dal punto panoramico Naabi Hill vicino all'ingresso. La savana e le aperte pianure erbose del Serengeti incarnano l’Africa più selvaggia; durante un viaggio in Tanzania non potrete proprio fare a meno di svegliarvi all’alba e partire per un safari a bordo di jeep 4x4 alla ricerca dei Big Five: bufali, leoni, rinoceronti, leopardi e elefanti.

Il Serengeti può rappresentare una delle esperienze più incredibili della vostra vita. Vivetelo con il nostro tour Tanzania Express.

La cima innevata del Kilimanjaro

KILIMANGIARO

Gli amanti della montagna non possono assolutamente perdersi un trekking sul famoso Kilimangiaro, la montagna più alta del continente africano, nonché uno dei vulcani più alti del mondo. È composto, infatti, da tre crateri: Shira, a occidente (3962 mslm), Mawenzi, a oriente (5149 mslm) e Kibo nel centro, mentre Uhuru Peak (5895 mslm) è la vetta più alta. Salire sul tetto d’Africa 🏔️ regala un’esplosione di paesaggi straordinari diversi tra loro: campi coltivati che si estendono ai suoi piedi, foreste rigogliose sui pendii che presto si trasformano in praterie alpine, per terminare con un paesaggio quasi lunare della cima. L'ascesa alla vetta del Kilimanjaro (5.895 mslm) è percorribile attraverso diversi itinerari, alcuni più semplici e frequentati, altri più lunghi e temerari, e comporta almeno 5 notti di sforzi e sacrifici (soprattutto per i meno esperti), che verranno, però, ampiamente ripagati una volta arrivati in cima. Per un viaggio in Tanzania che include la risalita del monte Kilimangiaro è richiesta un'ottima preparazione, nonché una buona condizione fisica. Nonostante si tratti di un’impresa decisamente impegnativa, è sicuramente un'esperienza imperdibile per gli amanti dei trekking.

L'acqua cristallina di Zanzibar

ZANZIBAR

Zanzibar è dove si mescolano le culture, arabi, persiani, africani ed indiani… un’isola caratterizzata dal profumo delle spezie. Rilassatevi sulle ⛱️ spiagge perfette di quest’isola esotica, navigate su acque turchesi a bordo di un dhow oppure esplorare l’interno i frutteti tropicali. Zanzibar è sicuramente la più famosa tra le isole tanzaniane, sia per la bellezza dell’ambiente e delle sue spiagge che per essere stata la culla di un florido impero commerciale e di un’antica civiltà che ha avuto in Stone Town la sua capitale.

Per certi versi Zanzibar è un'isola unica nel suo genere: baciata dall'Oceano Indiano color turchese, su quest'isola si può assistere all'incredibile effetto delle maree come in nessun altro luogo, marcato soprattutto a Matemwe, Jambiani e Paje, sul versante orientale dell'isola; a Kendwa e Nungwi, sul versante occidentale, potrete assistere invece a tramonti dai colori indelebili. Zanzibar offre numerose opportunità e tipologie di alloggio: da villaggi all-inclusive a ville private, da appartamenti a B&B, sino a intime guesthouse. Insomma ce ne è per tutti i gusti.

Se state cercando un itinerario che sia un mix tra un viaggio safari ed una vacanza rigenerante, vi proponiamo il tour Tanzania Zanzibar.

L'immensità del Ngorongoro Crater

NGORONGORO

Il Ngorongoro, un massiccio cratere, largo 20 km e sede di enormi concentrazioni di fauna africana, è sicuramente una tappa da includere nel proprio viaggio safari in Tanzania. Il cratere di Ngorongoro, un ambiente unico e senza uguali al mondo, è quello che resta di un antico cono vulcanico, la cui cima è collassata circa 2,5 milioni di anni fa, lasciando posto alla caldera attuale: un tronco di cono, che al suo interno ospita un “padellone” dal diametro di 16/20 km, con i bordi rialzati di circa 600 m rispetto al fondo, al cui interno si è sviluppata una savana dove vivono più di 25.000 grandi animali.

Tutte le specie tipiche della regione, ad eccezione delle giraffe (che qui non trovano nutrimento) vivono nel cratere di Ngorongoro. Il bordo del Cratere raggiunge un’altitudine di 2.300 mslm e offre una vista da togliere il fiato.

Partecipate al tour Tanzania Express per osservare il Ngorongoro.

Un enorme baobab nel Tarangire

TARANGIRE

A solo 100 km da Arusha, si staglia il Tarangire National Park, un parco che si estende per oltre 2.600 kmq. L'area nord del parco, la più visitata ed accessibile, accoglie il visitatore con baobab secolari e dolci colline. Più ci si inoltra nel parco più si fanno facili gli avvistamenti, soprattutto di 🐘 elefanti. L'altissima concentrazione di questi pachidermi è seconda solo a quella del Serengeti e Ngorongoro: durante i safari nel Tarangire si incontrano famiglie di elefanti composte da oltre 100 individui ed è possibile avvistare da 500 a 1.000 elefanti in un giorno solo. Questi elefanti sono quasi tutti nati dopo la fine del bracconaggio degli anni '80 e per questo motivo non è facile incontrare grandi esemplari come può accadere nel cratere di Ngorongoro.

Tuttavia, in quanto a numeri, il Tarangire vince su tutti e lo spettacolo è a dir poco entusiasmante. Ma questo parco è anche la casa di tantissime altre specie di animali: gazzelle di Thompson e impala, struzzi e facoceri, orici e gnu, giraffe e zebre, kudu e dik dik, senza tralasciare iene, ghepardi, caracal, leoni e leopardi. Insomma l'esperienza safari al Tarangire potrebbe rappresentare uno degli avvistamenti faunistici più suggestivi d'Africa.

Il limpido Lake Manyara

LAKE MANYARA

Il Lake Manyara, sotto la scarpata della Rift Valley, ospita ambienti estremamente vari, nonostante le sue piccole dimensioni (330 Kmq, di cui 200 occupati dal lago). Si va dalle fitte foreste alimentate dalle risorgive che affiorano ai piedi della Rift Valley, alle savane, alle zone acquitrinose a bordo lago. Numerosissime le specie animali, tra cui spiccano grandi colonie di babbuini, cercopitechi e altre specie di scimmie, elefanti, giraffe e ben 380 specie di uccelli. Qui, durante il periodo da dicembre a marzo, stanziano nutriti stormi di 🦩 fenicotteri rosa, che poi migrano verso il Lago Natron tra giugno e ottobre. Chi ama gli animali non potrà più lasciare questo posto, dove è facile avvistare alcuni degli animali più affascinanti di tutta l’africa, tra cui il leone arrampicatore (anche se bisogna avere molta fortuna).

Il Lake Manyara è uno degli highlights del nostro imperdibile tour Tanzania Express.

Gruppo di Masai | Zubiria on Unsplash

MASAI

Quando si parla di popolazioni africane, quello che salta spesso alla mente nell’immaginario collettivo della gente è la figura di uomini guerrieri alti, belli, pieni di gioielli colorati e vestiti con coperte rosse e blu: i Masai, una delle tribù più conosciute e “famose” del mondo. I Masai sono un gruppo etnico nilotico, ovvero originario delle Valle del Nilo, che vive nelle terre al confine tra Tanzania e Kenya secondo uno stile di vita tradizionale e ricco di usanze. Per generazioni sono stati un popolo nomade che viveva prevalentemente di pastorizia, mentre oggigiorno sono considerati una tribù stanziale per via della loro propensione all’agricoltura. È comunque l’allevamento del bestiame a rappresentare la loro ricchezza più grande, poiché, oltre a permettere loro di guadagnare e sostentare le proprie famiglie, conferisce agli uomini uno status sociale importante. La società masai è, infatti, a struttura patriarcale, fortemente decentrata (sono gli anziani a prendere tutte le decisioni di carattere generale), mentre le donne giocano un ruolo di secondo piano e non godono di diritti ereditari. Nel corso della vita, i giovani maschi masai devono sottostare a una serie di riti di transizione, il primo dei quali è la circoncisione, che segna il loro passaggio da bambini a guerrieri, fino a diventare anziani. Ognuno di questi livelli è diverso dai precedenti ed è caratterizzato da diritti, responsabilità e abbigliamento specifici. Le tipiche case dei Masai sono facilmente riconoscibili: sono ricoperte con sterco mescolato al fango e si compongono di due recinti spinosi (uno esterno per proteggersi dagli animali selvatici e uno interno per raccogliere il bestiame), una casa per il capofamiglia sulla destra dell’ingresso, a seguire quella della prima moglie e poi quelle dei bambini che, compiuti i 5 anni, dormono da soli.

Durante i nostri viaggi in Tanzania potrebbe capitare di imbattersi in qualche villaggio Masai “on the road” durante gli spostamenti, anche se si tratta spesso di villaggi ricostruiti a fini turistici.

I fenicotteri del lago Natron

LAGO NATRON

Il Lago Natron, situato nella Rift Valley a 600 metri d’altitudine, è un lago salino lungo ben 58 km, ma profondo solamente 50 cm. Trovandosi al confine con il Kenya, nell’estremità nord-orientale della Ngorongoro Conservation Area, il tragitto per raggiungerlo è molto lungo e tutt’altro che agevole, ma il paesaggio circostante di una desolata bellezza quasi soprannaturale, ripagherà questo sforzo regalando una sensazione di spazio incomparabile. La strada sterrata si snoda lungo il profilo della Rift Valley Escarpment attraversando la terra dei Masai: una prateria quasi priva di alberi punteggiata da piccoli villaggi e grandi montagne, dove sarà possibile avvistare anche qualche animale, tra cui zebre, giraffe, gnu e struzzi. Da giugno a novembre (la stagione secca) il lago si popola di quasi tre milioni di 🦩 fenicotteri rosa che migrano dal Lake Manyara in questa zona per riprodursi. Le condizioni estreme dovute alla salinità e alla temperatura delle acque rendono il lago inospitale per la maggior parte degli animali selvatici, ma non per i fenicotteri rosa, i quali hanno trovato nel Lago Natron il luogo perfetto per la nidificazione, indisturbati e al sicuro dai predatori. Sarà per questo motivo che il Natron Lake viene annoverato tra gli spettacoli naturali più emozionanti di tutta l’Africa orientale?

Paesaggi della Rift Valley

RIFT VALLEY

La Rift Valley, conosciuta anche come Great Rift Valley o Grande fossa tettonica, è una grandissima frattura geologica che si estende per circa 6.000 km in direzione nord-sud, partendo dall’Asia, nell’attuale Siria, e arrivando fino in Africa, in Mozambico. Una gola davvero impressionante che varia in larghezza dai 30 ai 100 km ed è profonda da qualche centinaio a parecchie migliaia di metri. Sorpassato il Mar Rosso, la Rift Valley si dirama in due direzioni: il ramo occidentale si estende dall'estremità settentrionale del Lago Alberto, sul confine tra Uganda e Repubblica Democratica del Congo, all'estremità meridionale del Lago Tanganica, in Zambia, mentre il ramo occidentale si sviluppa tra Kenya e Tanzania. Questi due rami si riuniscono poi nella parte terminale della valle, formando il Lago Niassa (meglio noto come lago Malawi), in Mozambico. Il ramo orientale è il più spettacolare tra i due, specialmente in Tanzania, poiché comprende il Kilimanjaro, il cratere di Ngorongoro e i laghi Manyara e Natron. In questa zona si trova pure il vulcano Ol Doinyo Lengai, la montagna sacra ai Masai.

 

TANZANIA VIAGGI, LA TOP 5 DELLE ESPERIENZE

 

 

COSA MANGIARE IN TANZANIA, I PIATTI TIPICI DELLA CUCINA TANZANIANA E ZANZIBARINA

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia gustare le specialità locali: in piedi mangiando cibo di strada o comodamente seduti in un ottimo ristorante. Quali sorprese ci riserva la cucina della Tanzania? La dieta di questo Paese è, in realtà, semplice e piuttosto anonima, ma la vivace atmosfera locale e l’ospitalità dei tanzaniani la compensano ampiamente. Ecco una lista che vi svela i migliori piatti della Tanzania:


  • Ugali: piatto nazionale della Tanzania, questa densa polenta di farina di mais e manioca costituisce uno degli elementi principali della dieta dei tanzaniani. Viene solitamente mangiato appallottolandolo e intingendolo in salse e contorni a base di carne, pesce o verdure
  • Urojo: zuppa ricca e deliziosa a base di kachori (patate speziate), mango, lime, cocco, manioca, insalata e a volte pili-pili (peperoncino); una prelibatezza da gustare a Zanzibar
  • Ndizi: plantani (simili alle banane) cotti
  • Mishikaki: spiedini di carne marinata alla griglia
  • Nyama Choma: carne di capra grigliata
  • Pesce di mare: affacciata sul mare la Tanzania offre specialità di mare da soddisfare qualsiasi palato, zone particolarmente rinomate sono Dar es Salaam e Zanzibar. Profumati curry di pesce, gamberi alla brace, aragoste. Si possono scegliere ristoranti o mercati, la qualità è ottima ovunque
  • Mandazi: dolce tipico della Tanzania, si trova soprattutto ai mercatini e sulle bancarelle di tutta l’Africa orientale. Si tratta di pane fritto ripieno, un ottimo spuntino. Può essere preparato con diversi ingredienti, a Zanzibar viene generalmente servito con spezie fresche e cocco
  • Uji: porridge dolce a grana fine preparato con farina di fagioli, di miglio o di altro tipo
  • Vitambua: sorta di piccoli e spessi pancake preparati con farina di riso
  • Birra: la Tanzania produce varie marche di birra, come la Safari e la Kilimanjaro
  • Tangawizi: versione locale del ginger ale
  • Succhi di frutta fresca (attenzione che non siano stati mescolati con acqua o ghiaccio di dubbia provenienza)
 

COSA COMPRARE IN TANZANIA, I MIGLIORI CONSIGLI PER ACQUISTI E SOUVENIR

Non vorrete mica tornare a casa da un viaggio in Tanzania senza un regalo o souvenir per i vostri amici (o per voi stessi)? Ecco una breve lista di cosa potete comprare in Tanzania:

  • Spezie: la Tanzania ha piantagioni enormi di spezie, soprattutto a Zanzibar. Nei mercati si possono trovare numerose spezie, consigliamo di acquistare la noce moscata fresca, cannella e curcuma per rivivere i profumi dell’Africa anche una volta rientrati a casa.
  • Artigianato: come tutta l’Africa, anche la Tanzania ha un artigianato pregiato. Vimini intrecciati, stoffa colorata, sculture intagliate e arte tribale. I mercatini sono pieni di questi oggetti e opere fatte rigorosamente a mano.
  • Monili: in Tanzania si possono trovare gioielli in argento e oro fatti artigianalmente. Nei mercati di Zanzibar si possono trovare pezzi unici, ma ci sono anche numerose gallerie e negozi di antiquariato.
 

FAQ E INFORMAZIONI TANZANIA

  • Passaporto: per recarsi in Tanzania il passaporto è obbligatorio con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza.
  • Visto: il visto d'ingresso per la Tanzania è obbligatorio, si può richiedere online prima della partenza e costa 50$. Questo significa che ogni richiedente, potrà provvedere autonomamente alla richiesta del visto, sul sito ufficiale dell'Tanzania eVisa. Per ogni approfondimento si segua la nostra procedura agevolata all'articolo "Visto Tanzania, finalmente si puo' richiedere online".

IMPORTANTE
  • Preghiamo di non procedere in alcun modo alla richiesta del visto prima di nostre ulteriori istruzioni.
  • Il costo per la richiesta del visto tramite Viaggigiovani.it è di 80 e ciò sarà da indicare in fase di iscrizione.

PER (TORNARE A) VIAGGIARE SICURI
  • Post covid-19 potrebbero esserci delle variazioni sulla documentazione necessaria di ingresso nel Paese, nonché misure di contenimento e prevenzione, che dipenderanno dalle disposizioni governative e dagli accordi internazionali. Riporteremo eventuali modifiche.
  • In ogni caso i viaggiatori provvederanno, prima della partenza, a verificare l'aggiornamento dei propri documenti presso le competenti autorità (per i cittadini italiani le locali Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero telefonico 06 491115) adeguandovisi prima del viaggio. In assenza di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza di uno o più viaggiatori potrà essere imputata all'organizzatore. Lo staff di Viaggigiovani.it è sempre e comunque a disposizione.
  • Vaccinazioni obbligatorie: non ci sono vaccinazioni obbligatorie per viaggiare in Tanzania. Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio per tutti i viaggiatori di età superiore ad 1 anno provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia. Se il viaggio prevede soggiorno presso strutture di standard internazionale, come nel nostro caso, non si corrono rischi particolari. La malaria è uno dei principali pericoli in Tanzania. Non tutte le aree del paese ne sono esposte in ugual misura. Il circuito dei parchi del nord è sostanzialmente a rischio ridotto rispetto alle aree del paese situate al livello del mare: Ngorongoro è esente malaria trovandosi a 2400 mt di altitudine; il Serengeti si trova di media sui 1600 metri, le zanzare sono poco presenti; più a rischio sono Lake Manyara, Tarangire, Natron, Selous ed in parte il Ruaha, la costa e le isole. Nei confronti della malaria non si deve assumere un atteggiamento paranoico ma piuttosto un comportamento cauto ed intelligente. Consultate il vostro medico e decidete se fare o meno la profilassi sulla base del vostro stato di salute, dell'età, di previsioni di gravidanze future. Ricordate che la profilassi non è comunque una vaccinazione e non assicura di conseguenza una copertura totale. Indipendentemente dal fatto che stiate o meno assumendo farmaci antimalarici dovete adottare adeguati comportamenti preventivi, quelli per cui si evita di farsi pungere: usare le zanzariere quando si va a dormire, al tramonto usare un insetto-repellente per zanzare tropicali, spegnere le luci della stanza.
    Consulta l'infografica "Febbre Gialla e Malaria, indicazioni per i nostri viaggiatori" sul nostro blog.
  • Vaccinazioni facoltative: in ogni caso, per le vaccinazioni facoltative, è sempre meglio contattare il proprio medico di fiducia o l’ASL locale.

PER (TORNARE A) VIAGGIARE SICURI
Post Covid-19 potrebbero esserci nuove misure di prevenzione e controllo, che dipenderanno dalle disposizioni governative e dagli accordi internazionali. Riporteremo eventuali modifiche.
La Tanzania non è un Paese pericoloso, ma si consiglia comunque di mantenere un buon livello di attenzione, nonchè rispettare semplici regole di buon senso, soprattutto nelle maggiori città e presso spiagge isolate.
La Tanzania detiene un clima di tipo tropicale, caratterizzato da due stagioni secche, con temperature indicativamente variabili tra i 20°C ed i 30°C tutto l'anno. Generalmente la Tanzania può essere visitata quasi tutti i mesi dell'anno, ci sono delle stagioni migliori rispetto ad altre. Vediamo insieme quando andare in Tanzania:
  • Estate: l'estate è senza dubbio il miglior periodo per visitare la Tanzania. Da luglio a settembre le temperature nel Serengeti e negli altri parchi sono più sopportabili rispetto ad altri periodi, con alta probabilità di vedere tanti animali; il periodo è anche ottimale per concedersi un viaggio a Zanzibar, dove il clima è secco, anche se i turisti sono numerosi, soprattutto in agosto
  • Autunno: se ottobre rappresenta uno dei miglior mesi per visitare la Tanzania, all'opposto novembre è più piovoso, quindi non proprio indicato; questa è la stagione delle piccole piogge, che talvolta posticipa (o anticipa) il suo arrivo
  • Inverno: gennaio e febbraio sono periodi molto buoni per un viaggio in Tanzania, ma anche per il relax a Zanzibar; dicembre è un mese più piovoso, ma ci si può ugualmente andare
  • Primavera: da marzo agli inizi di maggio è probabilmente il periodo meno indicato per visitare la Tanzania in quanto corrisponde con la stagione delle piogge, con clima caldo/umido, anche se troverete meno turisti; è anche il periodo delle migrazioni degli uccelli, quindi ideale per gli amanti del birdwatching

In conclusione, qual è il periodo migliore per andare in Tanzania? Se si esclude il periodo a cavallo tra novembre e dicembre e una parte della Primavera, abbiamo visto che è sempre un buon periodo per un viaggio in Tanzania. Di seguito il periodo migliore mese per mese, considerate sempre che... il clima sta cambiando.

 
Mese Valutazione (da 1 a 5 gekini)
Gennaio  
Febbraio  
Marzo  
Aprile  
Maggio  
Giugno  
Luglio  
Agosto  
Settembre  
Ottobre  
Novembre  
Dicembre  
  • + 1 ora rispetto all'Italia durante la nostra ora legale (primavera/estate)
  • + 2 ore rispetto all'Italia durante la nostra ora solare (autunno/inverno)
La lingua ufficiale della Tanzania è, insieme all’inglese, il kiswahili. Con più di 140 milioni di persone che la parlano è la lingua africana più diffusa al mondo. Si tratta di una lingua musicale, piuttosto facile da imparare.
  • Moneta: la valuta ufficiale della Tanzania è lo scellino tanzaniano (TZS)
  • Pagamenti e cambio valuta: consigliamo di portare euro per poi cambiarli in valuta locale presso banche, uffici di cambio o in alcuni hotel. Nei ristoranti turistici vengono accettati anche i dollari. Le carte di credito sono generalmente accettate da grandi alberghi e ristoranti in stile occidentale, ma non dai fornitori più piccoli. Assicurarsi di avere denaro sufficiente per coprire acquisti che non si possono pagare tramite carta di credito.
  • Sportelli Bancomat: si trovano facilmente nelle grandi città e nei centri urbani, ma sono più rari in piccole città, aree rurali e nei villaggi. Da considerare altri metodi di pagamento disponibili quando ci si sposta fuori dalle grandi città.
  • Spuntino = 1.000TZS
  • Bottiglietta d'acqua (0,33 l) = 800-1.000TZS
  • Bottiglia di birra (0,33 l) = 5.000TZS
  • Piatto di cibo in un ristorante locale = 7.000TZS
  • Cena di tre portate al ristorante = 40.000-80.000TZS
  • Corrente elettrica: il voltaggio in Tanzania è di 240 volt e richiede spine a muro a tre fori quadrati, come in Gran Bretagna.
  • Adattatore? Sì! In Tanzania è necessario munirsi prima della partenza di un adattatore universale.
  • Chiamare dalla Tanzania verso l'Italia: comporre 0039 + il numero desiderato.
  • Chiamare dall'Italia verso la Tanzania: comporre 00255 + il numero desiderato.
  • Rete mobile: in Tanzania la rete cellulare è molto diffusa anche se alcune zone all’interno del Paese non sono ancora coperte. La copertura di telefonia mobile è buona nelle grandi città della Tanzania, ma meno nelle zone rurali e montane. Assicurarsi di avere roaming globale attivato prima di uscire di casa se si desidera utilizzare il telefono cellulare.
  • Internet: l’accesso a internet è garantito nelle città, mentre nelle zone rurali è pressoché inesistente.
  • Banche e uffici statali: lun - ven 8.00 - 15.00
  • Negozi: lun - ven 8.30 - 18.00, anche se spesso il venerdì pomeriggio sono chiusi per le preghiere nelle moschee. Nelle città e cittadine quasi tutti i negozi sono aperti anche il sabato dalle 9.00 alle 13.00. Questi orari variano sempre dalla tipologia di attività e dalla città in cui si trovano.
  • Ristoranti: aperti dalle 7.00 alle 9.00 per la colazione, dalle 12.00 alle 14.30 per il pranzo e dalle 18.30 alle 21.30 per la cena; solitamente rispettano un orario ridotto durante la bassa stagione (marzo - maggio).
  • Supermercati: lun - ven 9.00 - 18.00, sab 9.00 - 16.00, dom 10.00 - 14.00
La mancia non è obbligatoria in Tanzania, ma un po' di generosità sarà accolta positivamente, soprattutto se si considerano i bassi salari che ricevono i lavoratori di servizio. Buona usanza è quella di considerare una piccola somma per facchini, guide e autisti è saggio, come sta lasciando spiccioli o arrotondando il conto nei ristoranti.
È sconsigliato bere acqua dal rubinetto in tutta la Tanzania. Per ragioni ambientali, cercare di evitare di comprare acqua in bottiglia. Invece, riempire una bottiglia d'acqua riutilizzabile o borraccia con acqua filtrata. Chiedere dove si può trovare acqua potabile filtrata. E' anche consigliabile evitare il ghiaccio nelle bevande e pelare frutta e verdura prima di mangiarle.
Le due religioni maggiormente praticate in Tanzania sono cristianesimo e islam.
Di seguito l'elenco delle festività più celebrate in Tanzania:
  • Ramadam: certamente il periodo festivo più importante per la Tanzania, un’atmosfera davvero particolare si festeggia in tutto il Paese
  • Aid al-Adha: il 10° giorno del mese del Pellegrinaggio si festeggia l’Aid al-Adha, o festa del sacrificio, ricorrenza di grande importanza del calendario islamico, famosa anche con il nome di Festa Grande
  • Aid-Milad-an-Nabi: un’altra importante celebrazione dell’anno lunare islamico è l’Aid-Milad-an-Nabi, in cui si commemora il giorno di nascita del profeta Maometto
  • Anniversario della Rivoluzione di Zanzibar (12 gennaio)
  • Pasqua, lunedì di Pasqua e Venerdì Santo
  • Anniversario dell’Unione (26 aprile)
  • Festa del Lavoro (01 maggio)
  • Giornata del Contadino (8 agosto)
  • Giornata dell’Industria (7 dicembre)
  • Anniversario dell’Indipendenza (9 dicembre)
  • Natale e Santo Stefano (25 e 26 dicembre)
Ambasciata d’Italia in Tanzania
Dar Es Salaam
Upanga - 316, Lugalo Road - P.O.Box 2106
Tel: +255 222115935
Ufficio Commerciale – Tel: +255 22 2117369
Telefono d'emergenza: +255 754 777701 (chiamate d’urgenza e fuori orario d’ufficio)
Orario: lun - ven 08.00 - 15.10 / mer 08.00 - 16.00
Posta certificata:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ambasciata della Tanzania in Italia
Villa Tanzania,
Viale Cortina D'Ampezzo 185
00135 ROME, ITALY
Tel: +39 06 334 85801
Web: www.tanzania-gov.it
eMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
L’assicurazione medica, bagaglio e annullamento è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi ; su richiesta è previsto un supplemento per aumento copertura medica (per ulteriori spiegazioni visitare la pagina "Assicurazione".)

 

 

PLAYLIST ON THE ROAD, LA COLONNA SONORA IDEALE PER UN VIAGGIO IN TANZANIA

Il "taarab", originario di Zanzibar, è il genere musicale tradizionale della Tanzania che mischiato ai suoni dell'Africa orientale ha influenzato i ritmi dell'intero Paese. Lasciatevi contagiare dalla ­playlist Tanzania su Spotify creata da noi #Nomadimoderni per iniziare con il piede giusto il vostro viaggio in Tanzania 🎵 SOUND ON!

 

 

PAGINE & POPCORN, I MIGLIORI LIBRI E FILM PER ASSAPORARE LA TANZANIA

Le letture sono sempre un ottimo compagno di viaggio e i film permettono di assaporare la meta prima della partenza. Per questo il team di Viaggigiovani.it ha elaborato una lista di libri di viaggio 📚 e dei film 🍿 più entusiasmanti ambientati in Tanzania; se avete qualche aggiunta non siate timidi, scriveteci...

LIBROAUTORE
L’albero dove l’uomo era nato Peter Matthiessen
By the sea Abdulrazak Gurnah
Memorie di una principessa araba da Zanzibar Emily Ruete
Zanzibar Goles Foden
FILMREGISTA
Hatari Howard Hawks
Mogambo John Ford
viaggi skyline arancio 2020
­

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Attentamente

Info utili ai tempi del C-19

Garanzie, voucher, vantaggi, flessibilità, assicurazioni e coperture.
Scopri tutte le soluzioni che stiamo adottando per i nostri Nomadi Moderni.