­

Infoline +39 0461.1923456

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Se state pensando di prenotare un viaggio in questo incredibile Paese, questa piccola guida vi dara' qualche utile dirtta

L’Iran è probabilmente la teocrazia più amichevole, più sicura e più ospitale del Medio Oriente. Sfortunatamente ha anche la reputazione di essere la più confusa, frustrante e burocratica. I viaggiatori atterrano a Tehran e si ritrovano al cospetto di moschee luccicanti e palme ombrose...che si scontreranno inevitabilmente con il processo di richiesta del visto all’arrivo. Vi possiamo assicurare che è una procedura che farebbe piagnucolare anche un uomo adulto! Inoltre, le valute diventano così complesse che comprare un pacchetto di patatine è come tentare di investire in borsa. Ci sono poi alcune regole per il dress-code che dovete assolutamente conoscere prima di partire.

Niente di tutto questo dovrebbe fermarvi dal vivere quello che è, onestamente, uno dei luoghi più magici al mondo. C’è una ragione del perché i tour in Iran sono aumentati negli ultimi anni. È un Paese stabile ed accogliente (non sorprendetevi se delle vecchie signore vi invitano a casa loro per un caldo Chelow kebab). Ha un’incredibile eredità storica (le nostre preferite sono la piazza Naqsh-e jahàn a Esfahan e Persepoli). E, cosa più importante, non assomiglia a ciò che viene descritto nei bollettini notturni. L’Iran è una sorpresa, pura e semplice: per un viaggiatore non esiste niente di più emozionante di questo.

Qui di seguito un riassunto delle cose che dovete sapere prima di partire!

 

Visto

Per entrare in Iran, la maggior parte dei viaggiatori stranieri ha bisogno del visto. È meglio imbarcarsi in questa pratica tenendo gli occhi bene aperti. Potrebbe volerci molto e potrebbe essere frustrante. Non possiamo dirlo in altro modo! La buona notizia è che abbiamo un team di esperti che possono aiutarvi e guidarvi attraverso la pratica.

In generale, per richiedere il visto per l’Iran potrebbero volerci dalle 6 alle 8 settimane, quindi organizzatevi di conseguenza. Se questo non fosse già abbastanza divertente, il costo di un visto cambia regolarmente e potrebbe dipendere dal vostro paese di provenienza. Ciò rende gli avvisi autentici un po’ ingannevoli, ma il vostro agente di viaggio sarà sicuramente in grado di darvi le informazioni più recenti.

La pratica per richiedere il visto prevede solitamente 2 step:

  • Il Ministero iraniano degli Affari Esteri deve rilasciare un codice di autorizzazione per il vostro visto;
  • Il visto per il vostro passaporto può essere poi ottenuto in un’ambasciata iraniana una volta che il codice di autorizzazione è stato rilasciato.

La durata della pratica può variare e i documenti richiesti dipendono dalla vostra nazionalità. Se provenite da Inghilterra, Stati Uniti o Canada la pratica potrebbe richiedere più tempo e potrebbe essere un po’ più complicata. Fortunatamente per la maggior parte delle altre nazionalità, è possibile ottenere il visto all’arrivo una volta ricevuto il codice di autorizzazione, il che rende la pratica molto più semplice.

 
Kerman
 

Credit:

Mohammad Hosein Mohebbi
 

Bagni pubblici

Certo, non è la parte più affascinante del viaggio, ma è importante indirizzare le vostre aspettative al livello appropriato. L’impianto idraulico in Iran (proprio come il resto del Medio Oriente) è diverso da quello che conosciamo. La maggior parte delle toilette sono quelle alla turca e per le nostre abitudini, potrebbero essere una scocciatura, oltre che ingannevoli e sconvenienti. Specialmente per le donne che si stanno già destreggiando per evitare che i loro foulard si srotolino e ci finiscano dentro.

Tuttavia, sarete stupiti da quanto velocemente diventerete dei maestri dello squat. Onestamente parlando, è un sistema usato da quasi la metà del pianeta, e si adatta a tutti. Potrebbe essere una buona idea portare con voi dei pacchetti di fazzoletti di carta/carta igienica e un disinfettante per mani, dato che nei bagni non sono forniti. E anche se aveste un “trono” in stile occidentale (nelle stanze d’albergo) non gettate nel gabinetto la carta. Sì, quel piccolo cestino serve proprio per raccogliere la vostra carta igienica.

Questa è un po’ una questione di abitudine, ma è meglio dei problemi imbarazzanti che si potrebbero verificare se provate a buttarla giù e tirare lo sciacquone. Oltre a questo, qui in Viaggigiovani.it siamo tutti d’accordo sul viaggiare in modo responsabile ed è importante rispettare la cultura locale e l'ambiente.

 
Yazd
 

Credit:

Pete Ofa
 

Siete curiosi di conoscere questo incantevole paese arabo da vicino? Unitevi a noi per un viaggio da fiaba in Iran

 

Bagni con doccia a filo pavimento

Un bagno con doccia a filo pavimento o una doccia aperta è esattamente ciò che sembra: una doccia senza la solita cabina (pareti) attorno ad essa. Sono abbastanza comuni in Iran e probabilmente ne incontrerete almeno una durante il vostro soggiorno. Non è indice di una sistemazione economica (anche alcuni dei migliori alberghi del paese utilizzano questo tipo di doccia). Rappresenta solo come funzionano le cose qui.

Spesso il soffione della doccia si trova sopra o abbastanza vicino al gabinetto. Siate preparati alle cose che potrebbero bagnarsi. Utilizzate le ciabattine presenti nella vostra camera. Sono lì per un motivo e potrebbero risparmiarvi una brutta caduta (se vi disgusta troppo il pensiero di usare scarpe riciclate, compratene un paio economico dal mercato locale.) Ma più di tutto, godetevi quest’esperienza! È solo una questione di provare nuove cose, giusto? Scommettiamo che non vi siete mai seduti sul gabinetto lavandovi contemporaneamente i capelli...

 
Scarpe al mercato di Tehran
 

Credit:

Ali Morshedlou
 

Cibo

Molti viaggiatori rimangono delusi dalla scena alimentare iraniana, ma la verità è che non sanno godersela. L'Iran è un paese che promuove la cultura della cucina casalinga. A differenza dei paesi occidentali, dove le persone solitamente escono per un buon pasto, in Iran è l'opposto. Si esce per un pasto veloce, comodo o fast food.

E' in casa dove avviene la vera magia. Qui scoprirete cibi segreti. Pasti introvabili nei ristoranti, ricette tramandate per generazioni e perfezionate nel tempo. Il cibo tradizionale iraniano è preparato con cura in casa e può richiedere ore, perfino giorni per essere preparato. L'ospitalità iraniana è una delle migliori che possiate sperimentare durante un viaggio. Se siete abbastanza fortunati da essere invitati in una casa iraniana per un pasto - non dite di no! Saltate sia la colazione che il pranzo ... e indossate pantaloni larghi!

Ci sono anche altre occasioni per degustare dell'ottimo cibo iraniano. Ad esempio, comprando gli ottimi prodotti locali alle bancarelle di cibo di strada e nei mercati. Rifatevi gli occhi sulla selezione di noci locali, frutta fresca (melograni, arance amare), datteri, riso persiano tenero con zafferano, felafel, kashkeh bademjoon (un piatto di melanzane), gaz (il torrone iraniano) e pane appena sfornato: questa è senza dubbio una delle migliori esperienze da fare durante un viaggio in Iran.

 
Cibo iraniano
 

Credit:

Louis Hansel

Soldi

In Iran, i soldi contano! Si tratta di un'economia basata sul denaro, dunque dimenticatevi le carte di credito e i traveler's cheque (se si usano ancora). Dovrete portare abbastanza denaro per tutto il viaggio. Se siete in dubbio, prendete un po' di extra per i souvenir o forse un tappeto persiano. Se dovete riportare dei soldi iraniani a casa, non è la fine del mondo.

Se otterrete il visto all'arrivo, avrete bisogno di Euro. Tuttavia, anche il dollaro è ampiamente accettato sui taxi, nei mercati e ristoranti ecc. Tuttavia, siate consapevoli che i piccoli rivenditori e alcuni servizi (in particolare il sistema metropolitano) accetteranno solo la valuta locale. Una volta chiarite le abitudini a Teheran, ci si può dirigere al banco dello scambio aperto 24h su 24h ore e cambiare i soldi che avete con voi per sopravvivere i primi giorni e farvi un’idea di quanto potrete spendere. È importante ricordare che tutte le attività chiudono dal mezzogiorno di giovedì e il venerdì è il fine settimana iraniano. Non potrete cambiare i soldi durante questi giorni, quindi organizzatevi in anticipo.

 
La moschea di Shiraz
 

Credit:

Steven Su

La valuta ufficiale dell'Iran è il Rials, ma come per la maggior parte delle altre cose in Iran, si può fare un po’ di confusione... I locali spesso vendono servizi e prodotti in Tomans e non Rials (il Toman era una unità ufficiale di valuta in Iran e ora è una sovraunità del Rial). Fondamentalmente 1 Toman = 10 Rial. Ciò richiede un po’ di abitudine, ma se un tassista dice "50", generalmente significa 50.000 Tomans (che equivale a 500.000 Rial – tutto chiaro fin qui?). Siete ancora confusi? Ecco alcuni suggerimenti:

  • Chiedete sempre il prezzo. Un semplice "Tomams?" "Rials?" servirà a questo scopo;
  • Se rispondono Tomam aggiungente solo uno zero e date loro Rials!
Ovvio, no?

 
Tehran di notte
 

Credit:

Arman Taherian

Mappe

In Iran, le mappe delle città sono davvero difficili da trovare. Non è il classico posto in cui vi viene consegnata una mappa pieghevole alla reception. Sarete invece lasciati da soli per scoprirlo. In un tour di gruppo guidato da esperti questo non è di solito un problema (il vostro leader sa dove state andando), ma se siete in giro da soli, considerate di scaricare un'applicazione come Maps.Me. Le applicazioni come questa consentono di scaricare in anticipo le mappe delle città e quindi accedervi offline. Il Wi-Fi non serve!

 
Un vicoletto di Tehran
 

Credit:

Omid Armin

Regole per l'abbigliamento

L’Iran è una rigida teocrazia e dalla rivoluzione del 1979 è stata introdotta una legge per le donne (inclusi gli stranieri) che le obbliga a indossare vestiti non aderenti in modo da mascherare la propria figura. Il dress code è di gran lunga la più grande preoccupazione per le donne che viaggiano in Iran. La cosa importante è non spaventarsi: le regole per vestirsi in Iran non sono così restrittive come probabilmente avrete sentito dire. Per la maggior parte delle donne c'è una paura generale di indossare la cosa sbagliata, ignorando involontariamente le abitudini locali, o peggio, finendo nei 'guai'.

Il dress code è sicuramente molto meno impegnativo per i viaggiatori e più vi sposterete all’interno del paese, più vedrete interpretazioni molto diverse a riguardo. Vedrete le donne super-conservatrici e religiose vestite da cima a fondo con il Chador (che significa "tenda" in Farsi) mentre all’estremo opposto, nelle grandi città, si hanno giovani con foulard tirati indietro sulla testa, vestiti colorati e brillanti (alcuni aderenti), tacchi alti e più pelle esposta sugli avambracci e sul collo.

 

Scopri il fascino del Medio Oriente con uno dei Tour in Iran di Viaggigiovani.it

 
Una donna con un vestito tradizionale
 

Credit:

Steven Su
Qui di seguito, alcuni consigli per un corretto abbigliamento:

  • Hijab: il foulard. Tutte le donne devono indossare lo hijab ovunque: in luoghi pubblici, negli hotel, nei bar, nella metro, sugli autobus e sugli aeroplani. Non dimenticatevi di tenerne uno nella vostra borsa o nel vostro zaino, perché dovrete indossarlo non appena atterrerete in Iran. Fate pratica a casa davanti allo specchio con quello che vi è più comodo, ma non preoccupatevi – capirete subito quello che fa al caso vostro e cercate di raccogliere qualche consiglio dai locali. Troverete foulard di tutte le forme, colori e dimensioni nei mercati locali e sono tutti relativamente economici.
  • Gambe: Le vostre gambe devono essere coperte tutto il tempo e, nonostante l’originale interpretazione della Hejab sui vestiti aderenti, i jeans vanno benissimo, così come qualsiasi tipo di pantalone. Le gonne e i vestiti sono vietati.
  • Mantello: Il mantello (una lunga e aderente giacca, simile all’impermeabile) è uno degli indumenti principali per la maggior parte degli iraniani. Se siete turisti, però, non è necessario indossarne uno e comunque non lo vorreste indossare nel bel mezzo dell’estate. Optate invece per magliette lunghe e aderenti, camicie o cardigan. Assicuratevi di coprire il fondoschiena e gran parte delle braccia. Se si vede un po’ di avambraccio, non è un problema. Se viaggiate in Iran durante l’inverno, un cappotto lungo è perfetto.
 
Donne iraniane di spalle
 

Credit:

Omid Armin

Se anche voi non vedete l'ora di esplorare questo splendido Paese, non dovete far altro che unirvi ad un nostro tour in Iran! Lo spettacolo inizierà non appena scenderete dall'aereo... e l'avventura più magica avrà inizio!

Viaggi e Tour Iran, le nostre proposte per entrare in contatto con il mondo arabo: un universo fatto di antiche tradizioni e civilta', persone dal cuore immenso e orizzonti da mozzare il fiato!

Iran Essential | Tour Piccoli Gruppi

Iran Essential Tour Piccoli Gruppi

Iran Special | Tour Piccoli Gruppi

Iran Special Tour Piccoli Gruppi

Fonte:

Intrepid Travel
­

Le nostre destinazioni

Per ogni destinazione, proponiamo itinerari non standardizzati, associati ad uno o più stili e modi di viaggiare.

 
­

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Lo promettiamo: non ti tempesteremo!

E-mail:
Per presa visione dell'informativa sul trattamento dei dati e consenso al trattamento per finalità relative al business e statistiche e di marketing, promozione, profilazione e trasferimento dati a terzi (4.c e 4.b dell’Informativa Privacy ai sensi degli artt. 13 e ss. Regolamento UE 679/2016).