­

Appassionata e sfavillante, indomita e carismatica, la capitale del Portogallo e' una citta' sospesa nel tempo e nello spazio. Ecco cosa vedere a Lisbona in 10 punti, piu' due super chicche targate Viaggigiovani.it

Dove la terra finisce e il mare comincia, dove la nostalgia struggente si intreccia alla gioia di vivere più sfrenata. A ogni angolo di Lisbona (Lisboa in portoghese) i palazzi e i monumenti sono testimoni di un passato di fasti e ricchezza e di un melting pot culturale unico e irripetibile. Per le strade e le piazze le note malinconiche del Fado si mescolano al ruggito dell’Atlantico, che sferza senza sosta le spiagge da cui un tempo grandi esploratori salparono verso terre ignote.

Ma la capitale del Portogallo è anche una città moderna, proiettata nel futuro, green e sostenibile: non a caso, nel 2020 il Commissario europeo per l’ambiente ha eletto Lisbona Capitale Verde d’Europa. Tutto questo fa di Lisbona una città assolutamente da visitare, anche grazie all’intensa vita notturna che per tutto l’anno anima le vie del centro dal calar del sole fino all’alba. Fra le tappe principali di un più ampio viaggio in Portogallo, il capitolo Lisbona cosa vedere è talmente fitto e variegato che molto probabilmente non vi basterà una sola occasione per scoprirla tutta! Anche perché il clima dolce, il ritmo lento della vita e le spiagge a due passi dal centro invitano davvero a rallentare e a farsi trascinare dal fascino magnetico di Lisbona.

Ancora non ci siete stati? Preparatevi a innamorarvene a prima vista e a portarvi nel cuore un po’ di quella saudade che è il marchio di fabbrica di Lisbona e del Portogallo. Lo sappiamo, già vi è venuta voglia di partire! Prima di progettare il vostro viaggio, però, date un’occhiata ai paragrafi che seguono: abbiamo selezionato per voi le 10 migliori cose da vedere a Lisbona (e da fare) più due “bonus track” in stile Viaggigiovani.it: vere chicche che in pochi conoscono e che tra botteghe e ristorantini vi porteranno a scoprire l’autentica anima di Lisbona, mescolandovi tra la gente del posto!

 

­ È disteso su sette colli, altrettanti luoghi da cui godere esaltanti panorami,
il vasto, irregolare e multicolore insieme di case che costituisce Lisbona. ­

Fernando Pessoa

 
Alfama | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Shutterstock
 
 
 

Alfama, cuore antico e multiculturale di Lisbona

Come avrete già capito, a Lisbona luoghi di interesse ce ne sono a centinaia. Il consiglio è quello di iniziare l’esplorazione dall’Alfama, il bairro più antico di Lisbona, dove ancora oggi è possibile respirare quell’incredibile stratificazione culturale che rende la capitale portoghese unica al mondo. Per farsene un’idea, basta salire su uno dei caratteristici tram (in questo caso il numero 28) e guardarlo scorrere sotto i vostri occhi strada dopo strada, piazza dopo piazza. Fra azulejos scoloriti dal tempo, mura moresche, panni stesi alle finestre, palazzi nobiliari, calcadas (scalinate) e vicoli da casbah, vi sembrerà di trovarvi non in una capitale Europea, ma in Medioriente.

E in effetti è un po’ così, perché Alfama risale all’epoca della dominazione araba. Nucleo primigenio della nascente Lisbona, fu costruito su un’altura per una migliore vista sul mare e sulla foce del fiume Tago. Nei secoli successivi fu abitato soprattutto da commercianti e marinai, il che spiega l’atmosfera popolare e colorata che anche oggi regna sovrana. Nell’Alfama si trova anche uno dei principali monumenti di Lisbona: la Cattedrale di Santa Maria Maggiore, meglio nota con l’abbreviazione di (sede episcopale), edificata nel 1150 sulle spoglie di una precedente moschea. Proprio come la città, anche la cattedrale è un mix irripetibile di stili architettonici e influenze culturali, dal romanico al gotico, dal rococò al neoclassico: fu infatti più volte ricostruita a seguito dei numerosi terremoti (il più grave quello del 1755).

Voglia di scoprire la storia di Lisbona? Scegliete il tour Portogallo e Madeira con tappa nella splendida capitale

 

Il Miradouro de Santa Luzia: Lisbona dall’alto

Almeno la metà delle foto di Lisbona che si trovano in rete è stata scattata da qui. Il motivo lo scoprirete non appena sarete riusciti a ritagliarvi un angolino per affacciarvi al Miradouro de Santa Luzia. Bisogna sgomitare un po’, ma ne vale davvero la pena! La vista che si ammira da qui è di quelle da togliere il fiato: lo sguardo spazia a perdita d’occhio dall’ampia foce del Tago, alle mura moresche e ai tetti rossi dell’Alfama. Tra l’altro, il Miradouro de Santa Luzia non è solo un punto panoramico: è proprio un delizioso balcone porticato tappezzato di fiori, piante rampicanti e azulejos, le inconfondibili piastrelle decorate portoghesi. Se avete un debole per questo tipo di artigianato, potrete ammirarne a centinaia nel vicino Museo di Arti Decorative.

Azulejos | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Tim Hufner on Unsplash
 

Castelo de Sao Jorge: Lisbona nella storia

La lista delle cose da vedere a Lisbona è davvero lunga e molte di queste si trovano nel quartiere dell’Alfama. Qui è assolutamente necessario dedicare qualche ora alla visita del Castello di Sao Jorge. Massiccio e imponente, veglia dall’alto l’Alfama Lisbona e l’oceano Atlantico. È uno dei principali simboli della città, anche perché ne riassume la storia secolare. Ma è anche un punto di incontro, riposo e svago, grazie al meraviglioso parco che lo abbraccia (Jardim do Castelo de Sao Jorge), perfetto per rilassarsi tra una scarpinata e l’altra sulle ripide stradine dell’Alfama, specialmente in estate. Il consiglio in più? Una visita al Periscopio, un sistema ottico di lenti e specchi che consente di osservare minuziosamente Lisbona a 360 gradi.

 

Bairro Alto, Lisbona e la sua effervescente vita notturna

Visitare Lisbona significa anche percorrere chilometri di ripidi e caratteristici saliscendi. È così anche nel Bairro Alto, il quartiere Lisbona che per secoli fu zona residenziale delle famiglie benestanti. Oggi, invece, è il quartiere per eccellenza dove si ritrovano i giovani, gli artisti, i creativi e più in generale la ricchissima vita culturale della città. Non a caso è anche la zona con la maggiore concentrazione di locali notturni, bar, ristoranti ed enoteche: qui le serate sono davvero effervescenti e le ore scivolano veloci tra un bicchiere di Porto o di Madera e le note del jazz e del Fado.

Per immergervi nella saudade che caratterizza Lisbona lasciatevi trasportare dal sottofondo musicale a tema ­ con la nostra Playlist Portogallo Playlist Portogallo su Spotify di Viaggigovani.it.

 

Baxia, la modernita' simbolo della rinascita di Lisbona

Stretto tra l’Alfama e il Bairro Alto, nel cuore di Lisbona c’è il quartiere della Baixa, che si estende dal fiume Tago all’Avenida da Liberada. Il quartiere antico fu completamente raso al suolo dal disastroso terremoto del 1755 (un evento che sconvolse non solo Lisbona e Portogallo, ma l’Europa intera) e poi ricostruito nei decenni successivi in impeccabile stile neoclassico. Per volere del primo ministro Marchese di Pombal, Lisbona risorse come una fenice dalle sue ceneri e macerie e lo fece con edifici e palazzi dalle facciate monumentali e uniformi, scenografiche piazze e ampi e lunghi viali.

Un simbolo di rinascita, ieri come oggi, che pullula di negozi e uffici, bar e ristoranti. Il quartiere dello shopping e degli affari, senza dubbio. La via centrale è la Rua Augusta, che confluisce nella gigantesca Praca do Comercio attraverso uno spettacolare arco trionfale. Da non perdere anche la Praca do Rossio, con la caratteristica pavimentazione bianca e nera (mar largo come lo chiamano i locali), e la Stazione do Rossio, col caratteristico doppio ingresso a ferro di cavallo.

 
Praca do Comercio | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Shutterstock
 
 

Belem: Lisbona e l’epopea delle esplorazioni

Profondamente intrecciato con la storia marittima di Lisbona e l’epopea delle esplorazioni è il quartiere di Belem. Proprio da qui nel 1497 Vasco da Gama salpò per rotte sconosciute verso l’Africa e l’Oriente, inaugurando di fatto quella mitica Via delle Indie che nei secoli successivi assicurò al Portogallo ricchezze di ogni sorta. Un passato di fasti e potenza celebrato dal portentoso Monumento alle Scoperte, che si protende sulle acque del Tago come la prua di una nave, su cui sono raffigurati i principali navigatori portoghesi. Un ascensore interno permette di raggiungere la cima del monumento e ammirare la vista sul fiume.

Le attrazioni principali di Belem, però, sono senza dubbio la Torre di Belem e il Monastero de los Jeronimos. La Torre di Belem è tra i simboli di Lisbona: nonostante la funzione pratica e difensiva, presenta all’esterno una ricchissima decorazione con uno stile del tutto peculiare – un mix fra tardogotico e rinascimentale – che prende il nome di “manuelino”. Un altro grande testimone di questo stile e dell’epoca d’oro delle scoperte coloniali portoghesi, è il Monastero de los Jeronimos, fatto costruire nel 1505 per celebrare il ritorno in patria di Vasco da Gama. Per la sua unicità architettonica (meraviglioso è soprattutto il chiostro) è tutelato dall’UNESCO e custodisce le spoglie di Fernando Pessoa e Antonio Tabucchi.

 
Belem | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Shutterstock
 

Chiado e convento do Carmo: suggestioni letterarie a Lisbona

Cosa visitare a Lisbona per ritrovare l’anima letteraria della città? Basta sedersi in un caffè del Chiado e sorseggiare una limonata o una Ginja, la tipica bevanda alle amarene, osservando la statua di Fernando Pessoa, il grande scrittore portoghese originario proprio del Chiado. È in questa parte della città, intima e raccolta, che Pessoa amava ritrovarsi con Saramago e De Oliveira, per discutere e pranzare assieme al ristorante Martinho do Arcada. Accanto alle suggestioni letterarie, il Chiado offre anche veri pezzi da novanta, come le rovine del meraviglioso Convento do Carmo, un tempo la più grande chiesa gotica della città, di cui oggi rimane solo la struttura muraria, che ospita eventi culturali. Trionfo barocco invece nella Chiesa de Sao Roque: oltrepassata l’austera facciata d’ingresso, sarete travolti da un tripudio di marmi policromi, ori, pietre preziose e azulejos.

Voglia di respirare il fascino di Lisbona? Scegliete il tour Azzorre e Lisbona

 

Lisbona e i suoi ponti da record

Avete mai percorso un ponte di 13 chilometri? Durante un viaggio a Lisbona potrete fare anche questo! 12,3 per l’esattezza, sono i chilometri di lunghezza del ponte Vasco da Gama, il più lungo d’Europa, inaugurato nel 1998 come alternativa al Ponte 25 de Abril. Anche quest’ultimo è un ponte da record: con 2.277 metri di lunghezza, il Ponte 25 de Abril è il ponte sospeso più lungo d'Europa e fu il primo ponte di Lisbona. È anche un’opera assolutamente scenografica, gemello del Golden Gate di San Francisco.

 

Lisbona citta' che sale: il tram 28 e le funicolari

Non solo indispensabili mezzi di locomozione per affrontare rampe e salite: a Lisbona ascensori (elevadores) e tram sono una vera e propria istituzione! Imperdibile un tour di Lisbona sul mitico tram 28, che attraversa il centro di Lisbona quartieri come Alfama, La Baixa, Chiado, Bairro Alto. Tra gli ascensori, invece, spicca l’elevador de Santa Justa, spettacolare funicolare verticale in stile neogotico, che collega la Baixa alConvento do Carmo, regalando una vista da capogiro sul Rossio e il Castello di Sao Jorge.

 
Tram 28 | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Shutterstock
 

Bere e mangiare

Lisbona da vedere certo… ma anche da mangiare e da bere! Fra street food, pasticcerie e ristorantini tipici, vi riempirete la pancia senza spendere troppo. Il consiglio su cosa mangiare a Lisbona parte dai dolci, di cui i lisboeti sono ghiotti: su tutti, i pasteis de nata, dolcetti di pasta sfoglia farciti con crema di panna e uova. Si trovano ovunque, ma i migliori pare siano quelli dell’antica caffetteria vicina al Monastero di Belem, prodotti ancora con la ricetta originale dei monaci. Notevoli anche i bolos, paste lievitate ripiene di creme o formaggi, e il Travesseiros de Sintra, millefoglie ripiena di crema di uova e mandorle.

Sul versante salato, a Lisbona vanno fortissimo il pesce e la carne. In particolare, il baccalà è cucinato in decine di varianti: à brás (fritto con patate e uova), com natas, (con panna e patate), e le sfiziose pastéis de bacalhau. Tra i piatti di carne, da assaggiare il cozido à portuguesa, sostanzioso stufato di carne e legumi, mentre tra i primi il podio spetta a parimerito al caldo verde e all’arroz de pato. Una particolarità di Lisbona sono poi i chioschetti che troverete ad ogni angolo della strada: non fermatevi a un banale caffè e assaggiate alcune delizie tradizionali di Lisbona, come la horchata (orzata), il capilé, sciroppo di capelvenere e scorza di limone, limonada (limonata) e leite perfumado, un latte freddo arricchito con spezie, zucchero e limone.

 
Pasteis de Nata | Viaggigiovani.it
 

Credit:

Felix Kalthoff on Unsplash
 

Lisbona in bicicletta e la Feira da Ladra

Un modo alternativo ma comodissimo per scoprire Lisbona anche nei suoi anfratti più segreti è quello di percorrerla in bicicletta. Buona parte della città e soprattutto il lungo fiume (il Tejo) è dotata di piste ciclabili. Un itinerario molto bello è quello tra l’Alfama e Graca. Temete le salite? Niente paura, si possono usare le e-bike con pedalata assistita, come propone anche il Tour Portogallo Original di Viaggigiovani.it! infine, una chicca, una tappa immancabile per gli amanti del vintage e dell’anima popolare e folk: una visita al mercatino delle pulci la Feira da Ladra al Campo de Santa Clara, aperto il martedì e il sabato. Ci si trova veramente di tutto e tra una bancarella e l’altra, tra una lemonada e una ginjinha si potrà far finta di essere veri lisboeti!

 

Svelate le curiosità sul Portogallo, a parer nostro una delle destinazioni più sottovalutate d'Europa. Scriveteci se avete qualche altro consiglio da #NomadiModerni, altrimenti partite con noi per un viaggio in Portogallo.

 
 

Per scoprire Lisbona (o altri viaggi in Portogallo) scegliete tra le proposte targate Viaggigiovani.it

 

 

 
Azzorre e Lisbona | Tour Piccoli Gruppi

Azzorre e Lisbona Tour Piccoli Gruppi

Tour Portogallo per scoprire i paesaggi mozzafiato delle Azzorre e il fascino senza tempo di Lisbona: dalla natura incontaminata di isole vulcaniche ai colori vivaci della capitale

Prezzo: 2.250 | Durata: 12 giorni
 
Portogallo e Madeira | Tour Piccoli Gruppi

Portogallo e Madeira Tour Piccoli Gruppi

Da Porto a Lisbona a Madeira: tour del Portogallo tra citta' ricche di cultura, storia e sapori unite all'incontaminata bellezza naturale dell'isola in mezzo all'Atlantico

Prezzo: 2.130 | Durata: 14 giorni
 
Portogallo Original | Tour Piccoli Gruppi

Portogallo Original Tour Piccoli Gruppi

Un viaggio alla scoperta del Portogallo piu' autentico da Nord a Sud, dalla variopinta e vivace Porto alla poetica e iconica Lisbona tra antiche tradizioni e pittoreschi centri culturali

Primavera 2022 | Durata: 10 giorni

Scritto da: Giada V. Redatto da: Michela L. Copertina: Shutterstock

viaggi skyline arancio 2020
­

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Attentamente

Info utili ai tempi del C-19

Garanzie, voucher, vantaggi, flessibilità, assicurazioni e coperture.
Scopri tutte le soluzioni che stiamo adottando per i nostri Nomadi Moderni.