­

Infoline +39 0461.1923456

Leggendario Paese di Sinbad il marinaio, terra delle “Mille e una Notte”, antica patria dell’incenso e della mirra: benvenuti nell'incontaminato Sultanato dell’Oman.

L'Oman è una meta di cui si parla ancora poco (fortunatamente), con una storia millenaria e prospera, anche se bisogna partire dal XX secolo (il periodo della "Rinascita") per comprendere questo Paese, considerato un luogo dove "è possibile fare affari d’oro e provare meraviglie impensabili altrove". Deserti, canyon, oasi, montagne e mare si intersecano ed alternano armoniosamente per regalare un paesaggio fantastico, in cui emergono villaggi, fortezze, castelli e mercati. Dall'eleganza di Muscat, l'affascinante e pulitissima capitale, agli imperdibili e innumerevoli forti e castelli disseminati in ogni dove, tra cui spiccano quelli di Nizwa, Bahla e Jabrin, dalle altissime dune a perdita d'occhio del Wahiba Sands alle coste mozzafiato baciate dalle acque turchesi del golfo omonimo e dell'Oceano Indiano. Insomma una cartolina da viaggio perfetta!

In Oman, soprattutto nelle regioni dell'entroterra, sono ancora vive molte delle tradizioni locali. Le usanze e le pratiche indigene trovano espressione privilegiata nell'abbigliamento, nella grande varietà di danze e canti che accompagnano le celebrazioni religiose. Rimarrai letteralmente affascinato dal ricchissimo artigianato locale, proposto nei numerosi suk: amuleti, khanjar, gioielli, profumi, essenze di sandalo ed incenso... una ricchezza evidente ma non ostentata, perché gli omaniti sono soprattutto ricchi dentro, cordiali, genuini, gentili, fattori che valgono più di qualsiasi altro aspetto.

Viaggi e Tour Oman, le nostre proposte

 
Oman Classic | Tour Piccoli Gruppi

Oman Classic Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 1.450 | Durata: 8 giorni

 

 
Oman Special | Tour Piccoli Gruppi

Oman Special Tour Piccoli Gruppi

Prezzo: 1.550 | Durata: 8 giorni

 

 

ESPERIENZE DA PROVARE IN OMAN, LA TOP 5

 

CIBI E BEVANDE OMANITI, I "MUST"

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia il cibo! Ci sono infinite opzioni tra cui scegliere ed in modi diversi, sia in piedi mangiando dello street food o comodamente seduti in un ottimo ristorante.

La cucina omanita ha le caratteristiche della cucina araba: riso basmati, spezie e caffè (a base di cardamomo), servito senza zucchero e decisamente aromatico. Grazie al lungo tratto di costa, la cucina omanita fa abbondante uso di pesce. Ricordiamo che la carne di maiale e gli alcolici sono vietati in Oman (questi ultimi vengono serviti solo negli alberghi internazionali).
Ecco i migliori piatti omaniti che dovete assolutamente provare:

 

Le prime sono polpette di legumi (ceci, fave o fagioli) con sommacco, cipolla, coriandolo e cumino; il secondo è una crema di ceci e le terze sono involtini di verdure.
Primo piatto fatto con grano cotto e carne bollita, condito con limetta, peperoncino e cipolla.
Carne marinata (mucca o capra) cotta in un tipico forno d’argilla, servita con il rukhal (sottile foglia di pane).
Carne di agnello cotta nel riso.
Dolce dalla forma allungata fatto con datteri, zafferano, cardamomo, mandorle, noci e acqua di rose [dolce].
Bevanda a base di succo di limone unito ad abbondante menta.

ACQUISTI E SOUVENIR OMAN, I CONSIGLI

Non vorreste mica tornare a casa senza un souvenir dall’Oman? Il paese offre una grande varietà di prodotti artigianali, che vi ricorderanno il vostro viaggio. Ricordatevi che in Medio Oriente è tradizione contrattare il prezzo di un oggetto o prodotto locale. Ecco una breve lista di cosa potete comprare:

 

  • Gioielleria omanita: oro e argento vengono decorati e adornati con pietre preziose per creare bracciali, collane, cavigliere e amuleti (usati per proteggersi dagli influssi negativi). Il khanjar (pugnale dalla lama ricurva, in argento e decorato) è un oggetto tipico omanita, usato dagli uomini come ornamento nelle occasioni particolari.
  • Essenze e profumi: sandalo, mirra, incenso e tutte le essenze sono una tradizione omanita. Tra i profumi più caratteristici c’è l’acqua di rosa, venduta nei negozi e nel suq di Nizwa.
  • Artigianato locale: oggetti intagliati nel legno, ceramiche artistiche e stole, foulard e stoffe… impossibile visitare un suq e tornare a casa a mani vuote!
  • Spezie: cardamomo, cumino, chiodi di garofano, zenzero… da un viaggio in Oman non si può ritornare senza un sacchetto di spezie, che profumeranno a lungo la vostra casa.

 

HIGHLIGHTS OMAN

Muscat

"Muscat è un porto unico al mondo, dove è possibile fare affari d'oro e ammirare meraviglie impensabili altrove". Muscat, come scrisse Ahmed bin Majid al Najdi nel 1490, possiede ancora oggi un fascino indefinibile. In trent'anni, la capitale ha conosciuto uno sviluppo senza precedenti, infatti è passata dallo stato di cittadina marittima a quello di città con infrastrutture ultramoderne, ma senza grattacieli, con edifici tradizionali con la presenza di una cupola o finestra con arabeschi. Il risultato è una città piacevole, pulita, colorata, uniforme. L'interesse turistico principalmente è rivolto alla Grande Moschea, splendido edificio in marmo bianco, e alla vicina Città Vecchia di Muscat, tra cui spiccano il Bait Al-Baranda, il Suq di Mutrah, il Forte e la Torre di Guardia. Nei quartieri periferici oltre alle belle spiagge, ci sono anche altre attrattive degne di essere prese in considerazione.

Nizwa

Nizwa è adagiata al centro di una pianura circondata da un'oasi verdeggiante di palme e da alcune delle vette più alte dell'Oman. Questa cittadina costituisce la porta d'accesso ai siti storici di Bahla e di Jabrin e può essere utilizzata come punto di partenza per le escursioni al Jebel Akhdar e al Jebel Shams. La città è dominata dal suo maestoso forte, risalente al XVIII secolo ed edificato da Sultan bin Saif al-Ya’aruba per proteggere la città; ciò che colpisce è l’enorme torre centrale a pianta rotonda, del diametro di 45 metri.

Wahiba Sands

Uno dei luoghi più straordinari che si possono incontrare nel variegato paesaggio dell’Oman è senza dubbio il suo infinito deserto, il famoso Wahiba Sands. Il deserto copre un territorio di 200 km da nord a sud e 80 km da est a ovest, abitato da 3.000 beduini, 1.500 dromedari e 15.000 capre. Questo deserto, chiamato "gola tra le rupi", inizia proprio ai margini delle cittadine che si trovano lungo la statale Nizwa-Sur e da qui, si possono percorre alcune piste battute con un fuoristrada, tra scenari indimenticabili, fatti da alte dune di sabbia color rame che si perdono nell’infinito, pozze colorate, cascate e spettacolari piantagioni terrazzate, che premiano gli escursionisti più ardimentosi.

Sur

Grazie alla suggestiva Corniche, ai due forti, alle splendide spiagge situate nelle vicinanze e alla lunga tradizione di costruzione di dhow (detto sambuco, tradizionale barca a vela araba), Sur ha parecchio da offrire. Le sue principali attrazioni sono il Bilad Sur Castle costruito per difendere la città dall'assalto dei predoni provenienti dall'interno, il Sunaysilah castle e il pittoresco villaggio di Ayjah.

Wadi Shab e Wadi Tiwi

Chiamato "gola tra le rupi", il Wadi Shab è una delle principali attrattive del paese. Questo wadi premia anche gli escursionisti più riottosi con una serie di pozze d’acqua color turchese, cascate e piantagioni terrazzate, alle quali i martin pescatori e i boschetti di oleandri rosa aggiungono splendide macchie di colore. I viaggiatori più impavidi possono anche fare una nuotata in una grotta parzialmente sommersa situata nella parte alta del wadi. A poca distanza, troviamo anche il Wadi Tiwi, adornato di pozze color verde smeraldo e lussureggianti piantagioni. .

Al Sawadi

Al Sawadi è una lunghissima spiaggia pulita e scura, a nord di Muscat. Non si tratta ceramente di una delle spiagge più belle della Penisola, ma ha un valore aggiunto: si trova di fronte alle isole Daymaniyat, luogo eccezionale noto per i suoi giardini di corallo e l’abbondante fauna acquatica. Questo gruppo di nove isolette disabitate ha una barriera corallina che si estende fino ad una profondità di 20 metri ed è considerato uno dei siti di immersione più belli del Sultanato dell’Oman.

FAQ OMAN

Per recarsi in Oman è necessario il passaporto con validità di almeno 6 mesi dalla data di entrata nel Paese. Inoltre per visitare l'Oman è necessario un visto della durata di 30 giorni, effettuato all'arrivo in aeroporto a Muscat, al costo di 20OMR (circa 45).
Nessuna vaccinazione obbligatoria. Non appena salito al trono il sultano Qaboos si è occupato per prima cosa di migliorare l'assistenza sanitaria e le condizioni igieniche del paese e oggi l'Oman è una delle nazioni con il più elevato standard d'igiene della regione: anche i ristoranti più piccoli ricevono regolari ispezioni. L'acqua del rubinetto è potabile in tutto il paese e non sono raccomandate vaccinazioni particolari anche se il consiglio è certamente quello di bere acqua dalla bottiglia.
L'Oman è un luogo molto sicuro per i visitatori, la microcriminalità è molto bassa, in parte a seguito delle leggi e condanne molto severe; è bene comunque adottare le solite precauzioni come tenere gli oggetti di valore non in vista ed evitare di camminare in posti non familiari di notte.
Dalla metà di ottobre a quella di marzo è il migliore per visitare l'Oman; meglio evitare, invece, la stagione dei monsoni, nel sud, da giugno a settembre. I non musulmani dovranno inoltre tenere presente che nei prossimi anni l'Oman celebrerà la fine del Ramadan in dicembre o gennaio, il pellegrinaggio alla Mecca in aprile o marzo e il Compleanno del Profeta in giugno o luglio.
L'Oman si trova 3 ore avanti rispetto all'Italia, 2 quando nel nostro paese vige l'ora legale.
La lingua parlata in Oman è l’arabo, ma in molti luoghi potrete farvi capire anche in inglese.
La valuta è il Rial dell'Oman (OMR) diviso in 1000 baizas: con 1 € = 0,42 OMR (cambio aggiornato al 15/09/2016). Il cambio può essere fatto in banche, alberghi e suk di Muscat. Attenzione, il tasso di cambio è spesso sfavorevole in hotel. L'euro viene accettato e si può ricevere il resto in euro, anche nel suk di Muscat, per esempio.

Le principali carte di credito, American Express, Visa e Diner’s Club sono accettate negli alberghi, ristoranti e alcuni negozi.

I bancomat sono numerosi in Oman e la maggior parte sono collegati alle banche internazionali.
  • Una lattina di Coca Cola = 0,20 OMR (0,40 €)
  • Un cappuccino = 1,32 OMR (2,78 €)
  • Pasto in un ristorante locale = 1,60 OMR (3,20 €)
  • Pasto per due in un buon ristorante = 8-9 OMR (18-20 €)
L'elettricità è erogata a 220-240 V. Nei supermercati e nei negozi si possono acquistare degli adattatori, anche se spesso gli hotel possiedono già la doppia presa di corrente.
Il sistema telefonico è ben distribuito. Telefoni pubblici e sistema di carte telefoniche sono disponibili nei negozi locali e supermarket. Per chiamare l'Italia dall'Oman comporre lo 0039 seguito dal prefisso della località italiana con lo zero e dal numero dell'abbonato. Per chiamare l' Oman dall'Italia comporre lo 00968 seguito direttamente dal numero dell'abbonato. La rete mobile si basa sul sistema europeo GSM9000, quindi il cellulare è utilizzabile a condizione di avere un accordi di roaming. Omantel è il principale gestore di telefonia. Il telefono cellulare può essere utilizzato senza problemi con il roaming internazionale di molte compagnie telefoniche internazionali. Tuttavia la copertura nelle zone rurali non è molto affidabile.

Internet è disponibile negli internet caffè e nei principali hotel nelle grandi città omanite (Muscat, Salalah, Barka, Nizwa, Sur etc.) e molti bar e locali pubblici stanno installando il wi-fi.
Gli orari di apertura dei negozi e degli uffici sono variabili ma in genere rispettano le seguenti fasce: i negozi sono aperti da sabato a mercoledì dalle 8 alle 13 e dalle 16 alle19 e il giovedì dalle 8 alle 13 (chiusi venerdì). Le banche sono aperte da sabato a mercoledì dalle 8 alle 12 e il giovedì dalle 8 alle 11 (chiuse il venerdì).
In genere si usa una mancia del 10% solo negli alberghi e nei ristoranti di categoria elevata, a meno che non sia già compresa una tassa per il servizio. Le mance sono comunque sempre gradite, anche per autisti e guide.
L’acqua di rubinetto (dissalata) è sicura da bere, tuttavia si considera più sicura l’acqua in bottiglia. Se non vi piace l’idea di bere acqua da rubinetto vi consigliamo di portare con voi le pastiglie per purificare l’acqua o di chiedere alla vostra guida dove poter trovare acqua filtrata (per non produrre rifiuti con le bottiglie di plastica).
La religione maggiormente professata in Oman è l’Islam, professata da oltre il 75% della popolazione. I musulmani sono per lo più ibaditi, oltre a una consistente comunità sunnita. Altre confessioni religiose sono induismo, giainismo, buddismo, zoroastrismo, sikh, bahai e cristianesimo.
Le festività laiche celebrate in Oman sono il Capodanno (1° gennaio), la festa nazionale (18 novembre) e il compleanno del sultano (19 novembre); queste ultime due non cadono sempre nella medesima data e possono anche essere celebrate due volte nello stesso anno. La Festa nazionale è caratterizzata da ogni sorta di altisonanti celebrazioni ufficiali, in cui tutti gli uffici e i negozi sono chiusi.
Le festività islamiche dell'Eid Al-Fitr (che segna la fine del Ramadan), dell'Eid Al-Adha (il pellegrinaggio alla Mecca), il Capodanno islamico e l'anniversario della nascita del Profeta vengono tutte celebrate in osservanza al calendario musulmano. In occasione dell'Eid Al-Adha hanno luogo feste tradizionali e si balla nelle strade.
Ambasciata Italiana
Telefono: (00968) 24 695 223

Ospedali
- Muscat Privat Hospital: telefono ( 00968) 24 592 600
- Al Nahda Hospital (Government Hospital): telefono( 00968) 24 837 800
L’assicurazione medica, bagaglio e annullamento è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi ; su richiesta è previsto un supplemento per aumento copertura medica (per ulteriori spiegazioni visitare la pagina "Assicurazione".)

 

LETTURE E FILM SULL'OMAN

LIBROAUTORE
Oman. Il paese dei sultani Giancarlo Iliprandi
Oman - Emirati Arabi. Medioriente in armonia fra tradizione e futuro Maurizio D. Levi e Carla Piazza
I pilastri della saggezza Thomas Edward Lawrence
La seta nera Hans Reusch
La nascita dell’Islam Ludwig Ammann
FILMREGISTA
Desert of Blood Don Henry
Operation Oman Tristan Ofield

 

­
×

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Iscriviti e ricevi le nostre idee di viaggio. Lo promettiamo: non ti tempesteremo!