­

Infoline +39 0461.1923456

Siete pronti ad innamorarvi della natura? Benarrivati in Nuova Zelanda! L’Isola del Sud è rinomata per la natura sterminata. Guiderai attraverso le Alpi neozelandesi e sul loro punto più alto, il Monte Cook con i suoi 3.754 metri. Questa è la terra dei Fiordi, come lo splendido Milford Sound, e dei ghiacciai, primo su tutti il Fox. Sull’Isola del Nord potrai scoprire la cultura Maori, resa celebre dalla Haka, la danza guerriera ripresa dalla squadra nazionale di rugby, gli All Blacks. Sull’Isola del Nord, a Rotorua, godrai poi dei geyser e delle sorgenti termali. Altrettanto splendido è il Tongariro National Park, che vi condurrà per 18 km al confine con vulcani dormienti, alla scoperta di uno stupefacente deserto alpino, cascate e laghi craterici color smeraldo! Il viaggio finirà inevitabilmente ad Auckland. Costruita tra terra, mare e vulcano, la città è spesso identificata con la famosa Sky Tower, con i suoi 328 metri di altezza.

Viaggi e Tour Nuova Zelanda, le nostre proposte

 
self drive
Nuova Zelanda & Isole Cook | Viaggi di nozze

Nuova Zelanda & Isole Cook Viaggi di nozze

Prezzo: 4.650 | Durata: 21 giorni
 
self drive
Nuova Zelanda Classica | Viaggi su Misura

Nuova Zelanda Classica Viaggi su Misura

Prezzo: 3.380 | Durata: 18 giorni

 

ESPERIENZE DA PROVARE IN NUOVA ZELANDA, LA TOP 5

 

CIBI E BEVANDE NEOZELANDESI, I "MUST"

Viaggigiovani.it ritiene che uno dei modi migliori per scoprire un paese sia il cibo!. In piedi mangiando cibo di strada o comodamente seduti in un ottimo ristorante. Ci sono infinite opzioni tra cui scegliere ed in modi diversi, sia in piedi mangiando dello ”street food” o comodamente seduti in un ottimo ristorante. Ecco una lista che vi svela i migliori piatti neozelandesi:

 

La Nuova Zelanda offre una produzione di una grande varietà di vini di alta qualità, i visitatori potranno divertirsi visitando vigneti e cantine in tutto il paese. Ma non c’è solo vino in Nuova Zelanda, ci sono, infatti, moltissimi micro-birrifici, consigliamo di assaporare una birra artigianale prima di ripartire.
I neozelandesi hanno l'imbarazzo della scelta quando si tratta di frutti di mare. Essendo un'isola, la Nuova Zelanda ha i suoi vantaggi - gamberi freschi, aragoste, cozze e ostriche sono abbondanti tutto l'anno. Per chi ha un budget limitato, fish&chips sulla spiaggia sono la soluzione ideale.
Le pecore in Nuova Zelanda giocano un ruolo fondamentale nell’economia agricola locale, non c’è quindi da meravigliarsi se nei ristoranti troverete agnelli succulenti cotti nel migliore dei modi. Da non perdere!
Non è certo una sorpresa che la Nuova Zelanda produca un sacco di kiwi. Provatelo fresco da una bancarella del mercato o dal fruttivendolo, tagliato nella macedonia di frutta, nei dolci come ad esempio nella tipica Pavlova.
Anche se il creatore di questo dessert è fortemente contestata dai loro cugini della Tasmania, la Pavlova - un dessert a base di meringa con panna montata e frutta fresca - è stata invenzione di uno chef di Wellington per onorare la ballerina russa Anna Pavlova in tour in Australia e Nuova Zelanda nel 1920. Un viaggio in Nuova Zelanda non è completo senza l’assaggio di una fetta di questa icona nazionale.

ACQUISTI E SOUVENIR NUOVA ZELANDA, I CONSIGLI

Non vorreste mica tornare a casa senza un souvenir dalla Nuova Zelanda? Anche se il paese non offre una grande varietà di produzioni locali, ecco una breve lista di cosa poter comprare:

 

  • Prodotti locali: la Nuova Zelanda è la patria di molti produttori cosiddetti della buona tavola. Vino, olio d'oliva, miele, marmellate e olio di avocado sono tra le migliori proposte.
  • Lana : con la sua grande popolazione ovina, la qualità e la varietà della lana è eccellente. Dal maglione fatto a mano ai tappeti di pelle di pecora. La maglieria in generale è di alta qualità, è facile trovare un ricordo caldo e lanoso da portare a casa
  • Arte & Artigianato: da ciotole di ceramica a sculture in metallo ed in legno, troverete artigianato pregiato creato con le tradizionali tecniche Maori. Consigliamo di acquistare oggetti fatti a mano ed a livello locale.

 

HIGHLIGHTS NUOVA ZELANDA

Rotorua e Maori

Chiamata "la città dello zolfo", a Rotorua si svolge la più frenetica attività geotermica del paese, in cui si moltiplicano laghetti di fango bollente, gorgoglianti sorgenti geotermali, eruzioni di geyser e fumi maleodoranti. A Rotorua si trova anche un vasto insediamento di popolazioni Maori, le cui attività culturali sono tra le più interessanti e accessibili di tutto il paese. La cittadina di Rotorua, resa fiorente dal grande afflusso di turisti, è situata in una bellissima zona a 280 metri sul livello del mare, sulle rive del lago pullulante di trote. La regione circostante presenta un gran numero di laghi tranquilli, sorgenti ricche di trote, parchi naturali e luoghi dove si possono svolgere attività che stimolano l'adrenalina. La cultura Maori poi qui costituisce una delle grandi attrattive di Rotorua e vale la pena di conoscerla. Le due principali attività sportive sono i concerti e gli hangi, pasti cucinati in un forno di terra, che sovente sono associati. Alla fine della serata, se avete fortuna, verrete anche voi trascinati sul palco e coinvolti in un gruppo che canta. Vi verranno spiegate poi le prime nozioni dell'haka (la danza dei mitici All Blacks di rugby), con la quale potrete strabiliare chiunque al vostro ritorno.

Tongariro National Park

Istituito nel 1887, il Tongariro fu il primo parco nazionale della Nuova Zelanda. Con i suoi possenti vulcani attivi, il Tongariro è uno dei parchi più spettacolari della Nuova Zelanda e dalla primavera all'autunno si possono fare delle bellissime passeggiate e seguire vari itinerari escursionistici, mentre d'inverno è un'importante stazione sciistica. Il parco è sovrastato dalla cima del Mt Ruapehuche con i suoi 2800 metri è il vulcano più alto e attivo del paese. Nell'ultima eruzione, quella del 1995, il Ruapehu gettò massi vulcanici ed eruttò gigantesche nuvole di cenere e vapore. Il Tongariro Crossing è definita la passeggiata di un giorno più bella della Nuova Zelanda.

Napier e Cape Kidnappers

Adagiata sulla costa della vasta Hawke Bay, Napier è situata in una posizione privilegiata, e come in molte altre località della Hawkes Bay, il sole vi splende per gran parte dell'anno. L'attrattiva di Napier è l'architettura, tanto da poter sfidare Miami per il titolo di capitale mondiale dell'Art Dèco: gli edifici di gran parte del centro sono infatti in questo stile. Napier ha un posto d'onore, come tutta la Hawkes Bay, nel campo dell'enologia: alcune delle migliori aziende vinicole di tutta la Nuova Zelanda si trovano a breve distanza dal centro. Nelle vicinanze di Napier, a Cape Kidnappers, dalla fine di ottobre alla fine di aprile la colonia di sule riprende la sua attività. Le sule sono grandi uccelli, che in genere fanno il nido in isole completamente deserte e inaccessibili all'uomo; qui invece nidificano sulla terraferma e non sembrano per niente disturbati dagli umani che si godono lo spettacolo che viene loro offerto. Cape Kidnappers si raggiunge dopo un paio di ore di camminata e tutte le escursioni vengono calcolate in base alle maree, che in questa zona sono molto accentuate.

Abel Tasman National Park

Questo parco adagiato lungo la costa è un vero paradiso per gli escursionisti. Si trova all'estremità settentrionale di una catena di colline marmoree e calcaree che al suo interno è disseminata di grotte e pozzi carsici. Il sentiero più famoso è l'Abel Tasman Coast Track, giustamente ritenuto uno dei più spettacolari del paese. Lungo il percorso si attraversano piacevoli distese di bush che dominano spiagge di sabbia dorata, lambite da acque azzurre e cristalline. L'Abel è da tempo famoso per coloro che amano camminare, ma le sue attrattive principali "le spiagge, le baie e le calette" lo rendono adatto anche per il kayak in mare. Così si può scegliere di navigare in kayak, almeno intorno ad una parte del parco, lungo le sue acque splendide e abbastanza sicure, fermandosi in baie di una bellezza quasi sconcertante. Chi si cimenta nell'impresa per la prima volta riceve alcune istruzioni preliminari.

Pancake Rocks

Situato nei pressi di Westport, il piccolo villaggio di Punakaiki offre uno dei paesaggi costieri più incantevoli della West Coast. E dopo diversi anni di pressioni, nel 1987 questa zona è stata dichiarata parco nazionale: il Paparoa National Park. Punakaiki gravita attorno alle famose formazioni geologiche chiamate Pancakes a Blowholes. Nel corso dei secoli attraverso un processo causato dall'azione degli agenti atmosferici, queste rocce calcaree si sono disposte in modo da sembrare una pila di sottili frittelle. Quando la corrente è forte, l'acqua si solleva nelle cavità al di sotto delle rocce e schizza fuori in impressionanti emissioni simili a geyser.

Fox e Franz Joseph

I 2 più celebri ghiacciai del Westland National Park, il Fox e il Franz Josef, sono una delle maggiori attrattive di un paese colmo di bellezze naturali. Da nessun'altra parte al mondo, a questa latitudine, i ghiacciai sono avanzati spingendosi così vicino al mare. Il Fox e il Franz Josef sono esattamente quello che i ghiacciai dovrebbero essere, possenti fiumi di ghiaccio che rotolano giù da una valle in direzione del mare. Il Franz Josef fu esplorato per la prima volta nel 1865 dall'austriaco Haast, che gli diede il nome dell'imperatore d'Austria. Il Fox, sebbene meno conosciuto dell'altro, ha un'atmosfera più alpina di Franz Josef e vale la pena visitarlo per percorrere la passeggiata intorno al lago Matheson, che offre uno degli scenari più belli della Nuova Zelanda: il Mt Cook e il Mt Tasman riflessi nelle acque calme e limpide del lago. Entrambi fanno parte del Mt Cook National Park, il quale offre bellissimi sentieri escursionistici, per la maggior parte facili.

Milford Sound

Il Milford Sound è il più visitato di tutti i fiordi ed è quello che con maggior facilità vi lascerà letteralmente a bocca aperta. È lungo 22 km ed è dominato dallo splendido Mitre Peak, alto 1695 metri. Le sue calme acque riflettono le vette che si ergono a picco tutt'intorno. La crociera è il mezzo ideale per visitare il fiordo, dove sarà possibile osservare animali come delfini, foche e pinguini. Il Milford Sound è sinonimo di pioggia, quindi ritenetevi fortunati se vi capita una bella giornata; in caso contrario, sopportate (o godetevi) gli spettacolari rovesci.

Queenstown

Queenstown ama definirsi "la capitale mondiale dell'avventura", ma la vera attrazione per chiunque si rechi in visita da queste parti è la regione di Wakatipu, con il suo straordinario paesaggio lacustre e montano: i monti appropriatamente chiamati Remarkables ("notevoli") e le Eyre Mountains formano una cornice naturale mozzafiato a Queenstown. Rannicchiata sulle sponde del Lake Wakatipu, in quello che di certo si può definire uno degli angoli più suggestivi della terra. La città è la località di villeggiatura per eccellenza dell'Isola del Sud; ha fatto molto per incentivare il turismo al punto che ora offre strutture eccezionali, una miriade di attività, numerosi ristoranti e una vivace vita notturna. In inverno è possibile sciare sui monti circostanti, mentre nelle stagioni più calde si possono sperimentare un'ampia gamma di sport estremi: rafting, sledging, jet-boat, hydro-speed in... acqua, il bungee jumping, il paracadute in tandem e il parapendio in... aria.

Auckland

Pur non essendo la capitale del paese, Auckland è la città più grande, più vivace e più interessante della Nuova Zelanda. Per apprezzarla al meglio, andate in barca nel porto oppure raggiungete in traghetto le vicine isole del Golfo di Hauraki, teatro delle ultime 2 America's Cup, la gara velica più importante al mondo; grazie a quest’ultima si ha dato nuova vita all'elegante zona del Viaduct nel centro della città. Auckland è sicuramente la più cosmopolita delle città neozelandesi anche perché può vantare la più alta concentrazione di Polinesiani al mondo, quasi tutti residenti nei sobborghi meridionali. Per quanto riguarda la cultura neozelandese, sono da visitare l'Auckland War Memorial Museum, completamente ristrutturato, che vanta un'esaustiva raccolta dedicata alla cultura Maori e il New Zealand National Maritime Museum, che è dedicato ad una delle passioni nazionali: la vela.

Wellington

Wellington, capitale della Nuova Zelanda, è racchiusa tra il suo magnifico porto e le erte colline disseminate di edifici vittoriani in legno. Nota come centro di arte e cultura, questa città, sede del Parlamento neozelandese, lascia spazio anche a una miriade di caffè e ristoranti, locali notturni e divertimenti, oltre ad accogliere una quantità di tesori nazionali di alto valore. La sua importanza come capitale si aggiunge alla posizione strategica di cui gode negli scambi tra l'Isola del Nord e l'Isola del Sud. Merita una visita il Te Papa, il Museo della Nuova Zelanda. Inaugurato nel 1998, è un monumento sorprendente che si affaccia sul lungomare e già nel suo primo anno attirò una folla immensa di visitatori e seppe conquistarsi una grande stima per l'innovazione e l'accessibilità che lo distinguono. Ora il museo, diventato il fiore all'occhiello della nazione, viene chiamato affettuosamente "Our place" (il nostro posto), poiché esprime con forza l'essenza della Nuova Zelanda e del suo popolo.

Mt Cook

Il Parco Nazionale del monte Cook è un luogo da non perdere. Situato a ovest di South Island, ospita la vetta più alta del paese (il monte Cook, che raggiunge i 3.754 m). Il paesaggio è costituito da vallate ghiaiose incorniciate da vette costantemente innevate. Il massiccio possiede anche alcuni ghiacciai, tra cui quello di Tasman: è meglio utilizzare i minibus che partono da Mount Cook Village, poiché la via di accesso è abbastanza difficoltosa. Si può anche sorvolare il parco in aereo o in elicottero partendo da Mount Cook Village o da Glentaner Park.

FAQ NUOVA ZELANDA

È necessario il passaporto con validità residua di almeno 3 mesi. Il visto non è necessario per i turisti entro i 90 giorni di soggiorno, a patto che si sia in possesso di un biglietto aereo a/r.
Nessuna vaccinazione obbligatoria e consigliata. Il sistema sanitario è di ottimo livello.
La Nuova Zelanda è un paese sicuro. Nessuna zona a rischio in particolare.
Il periodo migliore per visitare la Nuova Zelanda è l’estate (da dicembre a febbraio), tuttavia, questo è anche il periodo più trafficato, soprattutto durante le vacanze scolastiche (da fine dicembre a fine gennaio). L'inverno può essere molto freddo, con frequenti nevicate - ma questo è anche il periodo ideale per chi vuole sta cercando una vacanza su sci e snowboard, i migliori ski resorts.
+10 ore durante l'inverno australe e l'estate europea; +12 ore durante l'inverno europeo e l'estate australe; +11 ore durante il passaggio orario invernale/estivo in considerazione della non coincidenza delle date (dalla terza all'ultima domenica di marzo e dalla prima all'ultima domenica di ottobre).
In Nuova Zelanda si parla inglese, ma anche la lingua Maori è considerata lingua ufficiale e assume sempre più importanza.
La moneta locale è il Dollaro neozelandese (NZD); attualmente (Agosto 2013) 1 euro equivale a circa 1,678 dollari neozelandesi. Le monete sono da 5, 10, 20, 50 centesimi, 1 dollaro e 2 dollari; le banconote sono da 5, 10, 20, 50 e 100 dollari. In tutta la Nuova Zelanda cambiare contante in valuta estera o travellers’ cheque nelle banche o presso i cambiavalute autorizzati di solito non è un problema. Gli uffici di cambio si trovano in tutti i principali centri turistici, nelle città e negli aeroporti; fortunatamente, tendono a restare aperti oltre l’orario d’ufficio in settimana.

Le carte di credito sono accettate come metodo di pagamento quasi ovunque. Potete anche effettuare prelievi in banca con la Visa e la MasterCard, ma se avete una carta American Express dovrete recarvi presso un ufficio della American Express. Negozi ed attività più piccole possono accettare solo contanti o richiedono un minimo per l'utilizzo della carta di credito, assicuratevi di portare denaro sufficienza per i piccoli acquisti.

Gli sportelli Bancomat si trovano comunemente nelle grandi città e paesi della Nuova Zelanda. L’accesso ATM sarà, invece, limitato nelle aree più isolate. Le filiali delle principali banche del paese, come la Bank of New Zealand, ANZ, la Westpac e la ASB, dispongono di sportelli bancomat attivi 24 ore su 24. Accettano le carte di credito di altre banche e permettono l'accesso a conti esteri. Non ci sono sportelli proprio dappertutto, ma sono abbastanza diffusi su tutte e due le isole. La carta di credito è molto utile per gli acquisti ed eventuali contrattempi. Per prelevare contanti molto meglio il Bancomat (contattare la vs Banca e chiedere se la vs carta sia abilitata per la Nuova Zelanda). Portarsi, se possibile, un po' di contanti (chiedere alla propria Banca Dollari Neozelandesi con un po' di anticipo).
  • Tazza di caffè = 3 NZD
  • Boccale di birra = 12 NZD
  • Pranzo in un caffè = 10-15 NZD
  • Cena in un ristorante = 30 NZD
L'energia elettrica è erogata a 230V. Le prese funzionano con spinotti piatti tripolari ed è perciò necessario usare gli adattatori.
Chiamate Italia-Nuova Zelanda: è necessario comporre il prefisso internazionale 0064, il prefisso urbano non preceduto dalle zero, quindi il numero desiderato. Chiamate Nuova Zelanda-Italia: è necessario comporre il prefisso internazionale 0039, il prefisso urbano preceduto dallo zero, quindi il numero desiderato. La telefonia pubblica offre un buon servizio ed è possibile trovare apparecchi che funzionano con tessere prepagate da 5, 10, 20 e 50 $NZ in vendita presso centri informazioni, alberghi, giornalai, supermercati e stazioni di rifornimento. Per i telefoni a gettoni, invece, è possibile utilizzare monete da 10, 20, 50C e 1, 2 $NZ. Anche se la voglia di lasciare il cellulare a casa sarà tanta...consigliamo comunque di portarlo perché durante il tour potrebbe essere utile per restare "in contatto". Per chiamare in Italia, consigliamo di acquistare in Nuova Zelanda la tessera telefonica che permette un notevole risparmio. Contattate il vostro gestore per tariffe, ricezione e roaming internazionale del vostro abbonamento.

La copertura della telefonia mobile è eccellente nella maggior parte della Nuova Zelanda, soprattutto nelle grandi città e nelle aree urbane. Luoghi remoti, rurali e aree montuose possono avere copertura limitata o assente. Assicurarsi che il roaming globale sia attivato prima di lasciare il proprio paese, se si desidera utilizzare il cellulare.

L’accesso a internet è ampiamente disponibile nella maggior parte della Nuova Zelanda, nelle aree urbane si trovano senza difficoltà internet cafè e hot spot Wi-Fi.
In tutte le città si possono trovare banchi di artigianato aborigeno ma anche negozi e grandi centri commerciali che seguono orari differenti tra stato e stato, in generale:
  • Attività commerciali: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.30 e dalle 09.00 alle 16.00 il sabato, la domenica chiuso.
  • Istituti bancari: dalle 09.30 alle 16.00, dal lunedì al giovedì e dalle 09.30 alle 17.00 il venerdì.
  • Uffici postali: dalle 9:00 alle 17:00, dal lunedì al venerdì; alcuni uffici nelle città sono aperti anche il sabato mattina. I viaggiatori possono farsi recapitare la posta presso gli uffici postali in tutta l’Australia.
Non obbligatorie come in altri paesi del mondo, ma ugualmente gradite come riconoscimento.
In Nuova Zelanda l'acqua potabile dai rubinetti è considerata sicura, salvo diversa indicazione. Per ragioni ambientali, provare a utilizzare una bottiglia d'acqua riutilizzabile piuttosto che acquistare acqua in bottiglia.
La religione più diffusa è quella cristiana praticata dal 60% della popolazione, benché in costante decrescita; comprende cattolici, anglicani, metodisti, presbiteriani. Si aggiunge anche una forte presenza missionaria della Chiesa Cristiana Avventista. Il 35% della popolazione si dichiara ateo o agnostico, mentre il restante 5% è composto da buddisti e da una comunità musulmana di immigrati.
Le festività australiane sono legate alla cristianità: l'Assunzione, 15 agosto; Tutti i Santi, 1° novembre; l'Immacolata Concezione, 8 dicembre; Natale, 25 dicembre; Santo Stefano, 26 dicembre; Pasqua.
Tra le feste pubbliche segnaliamo invece:
  • Capodanno (1° Gennaio): nelle maggiori città hanno luogo esibizioni, gare e manifestazioni che richiamano le tradizioni rurali;
  • Festa del Lavoro: festa pubblica che cade nel quarto lunedì di ottobre;
  • Festa Nazionale (6 Febbraio): ogni anno dal 1934, in questa data la Nuova Zelanda festeggia il Waitangi Day che commemora la firma del Trattato di Waitangi del 1840. Questo trattato, da alcuni considerato il documento di fondazione della Nuova Zelanda, fu firmato dai rappresentanti della Corona Inglese e da cinquecento Maori che vi scrissero le sorti del Paese, riconoscendo il possesso delle sue terre al popolo dei maori, ma consegnando di fatto la sua sovranità alla Gran Bretagna. Questo giorno è stato riconosciuto come festa nazionale dal 1974, ma è sempre motivo di una certa tensione a causa del contenuto del trattato: i Maori spesso organizzano manifestazioni di protesta contro il governo dei pakeha, il termine con cui chiamano i neozelandesi bianchi, in cui ballano l’haka, la danza di guerra, per sfidare la società di cui fanno parte ma in cui non si sentono totalmente integrati;
  • Anzac Day (25 Aprile): in questa importante celebrazione si ricorda il primo sbarco delle forze australiane e neozelandesi (i diggers) a Gallipoli, in Turchia, durante la prima guerra mondiale, azione che costò la vita a moltissimi soldati provenienti dall’Oceania. La festa è chiamata quindi ANZAC, acronimo che sta per Australian and New Zealand Army Corps, ed è dunque, più generalmente, una commemorazione di tutti i caduti in guerra aussie e kiwi, celebrata anche in Australia e alcune isole del pacifico. In questa occasione, a parte le parate militari e le commemorazioni storiche, vengono preparati ovunque i tipici Anzac Biscuits. La loro origine risale alla prima guerra mondiale (gli ingredienti sono dunque molto semplici), quando venivano distribuiti ai soldati al fronte per "rallegrare" i magri pasti distribuiti nelle trincee. Ogni regione festeggia inoltre il proprio anniversario di fondazione: un evento importantissimo è legato in particolare a ben cinque regioni della Nuova Zelanda (Auckland, Coromandel, Taupo, Waikato e Bay of Plenty) che, l’ultimo lunedì del mese di gennaio, rendono onore tutte insieme al proprio anniversario organizzando una grande e celebrativa regata nel porto di Auckland. Questo è ovviamente un momento di aggregazione e di festa straordinario per gli abitanti delle regioni interessate.
Ambasciata d'Italia a WELLINGTON
34-38 Grant Road
PO Box 463, Thorndon
Wellington, New Zealand
Tel.: +64 4 4735339 - Fax: +64 4 4727255
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soccorso stradale: 131.111

Polizia e Pronto Soccorso: 111.
L’assicurazione medica, bagaglio e annullamento è SEMPRE inclusa nei nostri viaggi ; su richiesta è previsto un supplemento per aumento copertura medica (per ulteriori spiegazioni visitare la pagina "Assicurazione".)

 

LETTURE E FILM SULLA NUOVA ZELANDA

LIBROAUTORE
The Bone People Keri Hulme
La ragazza delle balene Witi Ihimaera
The Colour: a Novel Rose Tremain
Going West Maurice Gee
Dogside Story Patricia Grazia
FILMREGISTA
Indian Roger Donaldson
Una volta erano guerrieri Lee Tamahori
Il Tesoro dello Yankee Zephyr David Hemmings

 

­
×

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Iscriviti e ricevi le nostre idee di viaggio. Lo promettiamo: non ti tempesteremo!